Massimo Carrieri in tour in Australia dopo l’esordio americano

0
332

Dopo la “prima”  internazionale dello scorso aprile alla “Renee Weiler” Concert Hall di New York, che ha riscosso consensi entusiasti da parte di pubblico e critica, il pianista italiano Massimo Carrieri parte per un nuovo tour in Australia che lo vedrà protagonista alla prossima edizione del Melbourne Italian Festival, la più importante manifestazione di cultura italiana su tutto il territorio australiano.

In cartellone con ben tre eventi, Carrieri apre con un concerto in piano solo il 27 maggio al BMW Edge, avveniristico auditorium in Federation Square, uno dei cuori pulsanti della città.
Il giorno dopo invece si esibirà in trio sul palco del  Bennets Lane, storico jazz club che ha visto passare i più grandi nomi della scena jazzistica  internazionale, il “Blue Note”  dell’emisfero meridionale. Nella serata del Bennets Lane sarà presentato un progetto originale in prima assoluta, commissionato dalla direzione artistica del festival(MIF), che vedrà la partecipazione di due acclamati musicisti australiani: Phil Rex al contrabbasso e David Jones alla batteria.
Chiude la serie con un piano solo il 29 maggio a Daylesford nella splendido scenario di “The House Lake”.

Comune denominatore di questi eventi saranno le composizioni dallo stesso Carrieri, il musicista,  infatti, si propone con un programma di musiche completamente originali. Una  musica “di confine” la sua, dove ogni tentativo di classificazione potrebbe risultare vano. E’ proprio questo l’aspetto  caratterizzante della sua produzione, un concentrato di varie influenze, musicali e non, che trovano forma e organizzazione nell’architettura di un pentagramma, lasciando spazio anche all’improvvisazione. Uno stile che ha catturato l’attenzione del pubblico presente al debutto newyorchese,  al quale non è passato inosservato  l’eclettismo delle  sue partiture e anche una certa “mediterraneità”, una componente ben evidente nell’ambientazioni sonore (ma anche “visive”) di alcune sue composizioni.

Il tour gode il supporto del progetto DEMO/ MOVIN’UP, programma di sostegno alla mobilità degli artisti italiani nel mondo promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento della Gioventù), Ministero per i Beni e le Attività Culturali (PARC – Direzione Generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l’architettura e l’arte contemporanee) e GAI (Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani).


www.melbourneitalianfestival.com.au/
www.massimocarrieri.it
www.bennettslane.com/
www.iicmelbourne.esteri.it