Venus Ship, il vinile dell’omonima band in 100 copie numerate (etichetta II)

0
287

Esce oggi, lunedì 6 dicembre il nuovo disco dell’etichetta Improvvisatore Involontario, “Venus Ship”, dell’omonima band formata Marcello Claudio Cassanelli, moog, prophet 5, fender rhodes; Lorenzo Mazzocchetti, organo Hammond, Micro Korg; Ugo Moroni, chitarre elettriche ed effettistica; Antonio Rapa, batteria.

Si tratta del primo progetto del gruppo, ed è acquistabile in formato digitale sul sito di Improvvisatore Involontario, nei principali store online, e solo in vinile, in 100 copie numerate a Bologna nel negozio Tito Shop, via Bentivigli, 111b e sul sito di jazzos www.jazzos.com.

L’album è composto da otto tracce nate dalla penna di Moroni, Cassanelli e Mazzocchetti, su cui tutta la band si è concentrata in una lunga fase di pre-produzione in sala prove e live, prima di entrare in studio di registrazione. Il lavoro è un omaggio gli anni ‘70, dal prog italiano e anglosassone, al funky più viscerale, passando ad ambientazioni morbide e rarefatte, a improvvisazioni jazzistiche e sperimentazioni sonore. Il gruppo ha tratto ispirazione da artisti come Frank Zappa, Gentle Giant, Area, PFM, New Trolls, Goblin, Casiopea, Soft Machine, Henry Cow, King Crimson, Emerson Lake & Palmer, Alexis Korner, P. Metheny, H. Hancock, K. Rosenwinkel, C. Mingus, Art Ensemble Of Chicago, Roy Ayers, Stuff, Fred Wesley, Screaming Headless Torsos. Per questo la scelta degli strumenti non è casuale: dalle chitarre anni ‘60 di Moroni, alle tastiere anni ‘70 di Cassanelli, fino agli amplificatori Leslie prestati per l’occasione dal negozio di strumenti vintage “Scolopendra” di Bologna. Nonostante il forte legame col passato, la musica di “Venus Ship” guarda anche alla scena contemporanea, in particolare su alcuni aspetti percussivi quanto anche sull’uso di elettronica più contemporanea.

L’album è stato registrato in presa diretta in studio e mixato in analogico da Marcello Cassanelli.

Accompagna il disco un video animato, realizzato sulla prima traccia del disco, dove l’immaginario Sci-Fi molto in voga negli anni ‘70 incontra l’animazione 3D.

Per info:
http://improvvisatoreinvolontario.com
info@improvvisatoreinvolontario.com

Facebook: https://www.facebook.com/venus.ship.music
Instagram: https://www.instagram.com/venus.ship/

Store online: https://bfan.link/venus-ship

Marcello Claudio Cassanelli: laureato con lode al biennio specialistico in musica jazz ed in pianoforte classico, al conservatorio “G.B. Martini” di Bologna ha seguito le lezioni dei docenti Stefano Zenni, Fabrizio Puglisi, Paolo Silvestri, Giampaolo Ascolese, Gregory Burk e Florenta Barbalat. Oltre allo studio del pianoforte e delle tastiere, ha approfondito la conoscenza di altri strumenti musicali frequentando giovanissimo il corso di flauto traverso all’istituto musicale “O.Vecchi” di Modena e dedicandosi inoltre all’apprendimento della chitarra, del basso elettrico. Nel 2010 ha partecipato alla realizzazione dell’album “Fabulous” con la band Gillososia al Waterfront Studio – New York, collaborando con Henry Hirsch (Lenny Kravitz) e Gabriel Garzòn Montano. Ha collaborato con Roland Italy come dimostratore di pianoforti e sintetizzatori e si è occupato della direzione del musical “Rent” di J.Larson, rappresentato nel 2012 al Teatro Comunale di Carpi (MO) con diritti ufficiali Music Theatre International. Nel 2014 ha preso parte all’organico di un ensemble coordinato da Ugo Moroni registrando l’album “Ah Ug”, con arrangiamenti di Domenico Caliri; nel 2018 ha prodotto il suo primo album solista “Overtour” edito da Dodicilune, che è stato presentato al Jazz Club di Ferrara, e ha riscontrato ampio consenso dalla critica tra cui la rivista JazzIt e Jazzcorner.com. Nel 2019 ha partecipato al Jazzit Festival tenutosi a Pompei, suonando con la band Venus Ship. A luglio 2020, ha pubblicato il suo ultimo lavoro discografico “Sunset Tapes” edito da Jackie Brown Records e distribuito in vinile 33 giri da “Chat Noir Distirbution” ottenendo diverse recensioni tra Europa e Stati Uniti come sulla rivista “DJmag Espana”, e numerosi passaggi in radio internazionali tra cui JAZZ FM UK nel programma di Tony Minvielle. Sempre nel 2020 ha collaborato con il duo olandese Dam Swindle suonando nel loro ultimo EP “Spice Run” edito da AUS Music. In quanto polistrumentista dal 2015 è produttore per Patchbanks.com nella realizzazione di samples di vario genere e stile, e grazie a questa esperienza ha acquisito competenze nel campo della produzione audio, editing /mixing. Ad oggi sono 16 le pubblicazioni di compilation in cui ha partecipato componendo e registrando samples, soprattutto attraverso l’utilizzo di strumenti vintage quali Rhodes, sintetizzatori ed outboard analogico. Ha inoltre registrato e mixato interamente il suo ultimo EP “Sunset Tapes” e l’album della band Venus Ship. Vanta un’esperienza ventennale per quanto riguarda la musica live. Nel 2021 ha preso parte alla storica band italiana “Stadio” esibendosi assieme al cantante Gaetano Curreri.

Lorenzo Mazzocchetti: inizia lo studio del pianoforte con la musica classica approdando successivamente al jazz e alle musiche improvvisate. Fin dalla giovane età si distingue in premi e concorsi per poi laurearsi, con lode, ai conservatori di Pescara e di Bologna in pianoforte jazz con una tesi sull’American Quartet di Keith Jarrett. Ha modo di esibirsi come pianista e compositore in teatri, festival, rassegne e club come il Teatro Comunale di Bologna, Teatro Marrucino di Chieti, Teatro Testoni di Bologna, Teatro Sperimentale di Ancona, Bologna Jazz Festival, Piacenza Jazz Festival, Teate Winter Festival, JazzIt Fest, San Giovanni Teatino Jazz, Valsamoggia Jazz Club, Cantina Bentivoglio, per citarne alcuni. Nel 2019 frequenta i seminari di Nuoro Jazz dove ha la possibilità di studiare e suonare con musicisti come Tom Harrell, Danny Grissett, Dado Moroni, e vincendo una borsa di studio per una residenza artistica alla Casa del Jazz di Ponferrada (Spagna). Attualmente è insegnante di pianoforte alla scuola popolare di Musica Ivan Illich di Bologna.

Ugo Moroni: chitarrista e compositore campano di adozione bolognese. Intraprende lo studio della chitarra all’età di 13 anni. Nel 2002 si trasferisce a Bologna dove consegue la laurea al “D.A.M.S.”, il diploma di primo livello in chitarra jazz e il diploma di secondo livello in chitarra jazz al conservatorio “G.B.Martini”. Frequenta numerosi corsi di perfezionamento tra cui Siena Jazz, Umbria Jazz, Roccella Jazz festival, Veneto Jazz festival, dove ha la possibilità di seguire le lezioni di Domenico Caliri, Tomaso Lama, Pietro Condorelli, Umberto Fiorentino, Kurt Rosenwinkel, Peter Bernstein, Adam Holzman, Joel Frahm, Anders Jormin, Ben Monder, Cameron Brown, Omer Avital, Scott Henderson per citarne alcuni. Svolge una intensa attività concertistica suonando in diversi festival come: “Himalayan Blues Festival” (India e Nepal); “Bologna jazz festival”; “International Jazz Day”; “Jazzit festival”, Primo Maggio. Dal 2017 collabora con il collettivo ed etichetta discografica “Improvvisatore Involontario”. Registra diversi dischi sia come sideman che come leader; tra i più significativi: “Stranger At Home”, di Gaspare Bernardi Incipit Records/Egea Music (Con Markus Stockhausen e Achille Succi); “Ugo Moroni – Ah-Ug”, Labirinti Sonori (2015); “Ugo Moroni – Pinturas” Dodicilune (2018). Nel 2018 fonda con i colleghi e amici Cassanelli, Mazzocchetti e Rapa, la band Venus Ship con cui registra l’omonimo disco con l’etichetta Improvvisatore Involontario.

Antonio Rapa: ha conseguito il diploma di primo livello in batteria e percussioni jazz al conservatorio “G.B.Martini” di Bologna; attualmente frequenta il secondo livello al conservatorio “Frescobaldi” di Ferrara. È stato percussionista dell’organico giovanile dell’orchestra del teatro dell’opera di Roma, e dell’orchestra di fiati del conservatorio “Nicola Sala” di Benevento. Ha collaborato e collabora con numerosi artisti in progetti di stampo jazzistico come Giovanni Rago, Dean Bowman, Ugo Moroni, Bruno Briscick, Salvatore Lauriola e Giulio Stermieri. Dal 2016 collabora con il producer Machweo partecipando a numerosi festival nazionali e internazionali come Arti Vive Festival 2019, Eurosonic Festival 2019, Locorotondo, Bitches Brew Festival 2018. È docente di batteria dell’associazione culturale Micro-Bo di Bologna.