TEANO JAZZ 2014 – Paolo Fresu Quintet

0
489

Paolo Fresu Quintet

Paolo Fresu: trumpet
Tino Tracanna: sax
Roberto Cipelli: piano
Attilio Zanchi: double bass
Ettore Fioravanti: drums

Anche se Paolo Fresu (tromba, flicorno, multieffetti, claps) è il solista di punta, il gruppo è un organismo paritario dove ogni musicista si esprime sia in veste di solista che di compositore. Fin dagli esordi la melodia è stata una delle componenti centrali della formazione nata ispirandosi ai quintetti davisiani di fine anni ‘50 per poi acquisire una propria riconoscibilità nel sound e nel ricco interplay: nella loro musica il jazz moderno e le sonorità contemporanee si mescolano alla perfezione con la varietà melodica e cromatica del Mediterraneo.

L’affiatamento musicale dei cinque ha raggiunto quest’anno il traguardo dei trent’anni di carriera, cosa non solo rara, ma forse unica nell’intera storia del jazz. Lo scorso marzo è uscito “¡30!”, omaggio ai tre decenni d’arte in comune realizzato per la Tuk Music, etichetta fondata da Fresu nel 2010. Il nuovo progetto discografico  – il ventiquattresimo in carriera -arriva a 6 anni dal precedente “Kosmopolites” e chiude virtualmente il cerchio con l’album d’esordio del 1985 “Ostinato”, mantenendo intatta la freschezza e l’imprevedibilità delle origini. Dodici brani originali firmati alternativamente dai cinque protagonisti più una rilettura di un’aria barocca del compositore inglese Henry Purcell. Un lavoro curato nei dettagli, intenso e accattivante, che mostra sei lustri di esperienza nobilitata ai massimi termini, capace di trasmettere splendide emozioni grazie alla fusione di cinque altissime personalità artistiche. Ad affiancare il grande trombettista sardo sul palco allestito al Loggione del Museo Archeologico di Teano (Caserta) ecco Tino Tracanna (sax tenore e soprano), Roberto Cipelli (pianoforte e Fender Rhodes), Attilio Zanchi (contrabbasso) e Ettore Fioravanti (batteria e percussioni). Cinque acclamati jazzisti che da tre decadi rappresentano uno degli esempi più alti di affiatamento e di arte del jazz europeo. Un’eccellenza della musica italiana.

25 luglio 2014, Teano – Loggione Museo Archeologico