GIANLUIGI TROVESI | Profumo di Violetta

0
319

Gianluigi Trovesi
Profumo di Violetta
ECM Records - distr. Ducale
2008

Colonna e invidiabile patrimonio della scena jazzistica (e non) italiana, Gianluigi Trovesi ha sempre trovato la via per un discorso musicale comunicativo e impegnativo al tempo stesso. I tanti progetti varati e i dischi pubblicati sinora testimoniano una fedelta’ alle proprie radici come pure un’intelligente esegesi della storia musicale europea e afroamericana. La sua e’ una concezione olistica che come poche riesce a mantenere sullo stesso piano d’importanza le forme culturali piu’ addietro nel passato e le esperienze estetiche piu’ moderne e contemporanee, quelle che inventandosi, contrastandosi e poi miscelandosi hanno contraddistinto e informato il cosiddetto “secolo breve”. Profumo di Violetta e’ un disco esemplificativo di tale concezione, un progetto di lunga e meticolosa gestazione che si configura sia come un omaggio al background e al repertorio delle bande municipali e alle orchestre di paese in cui si e’ formato il clarinettista e il compositore bergamasco sia come un itinerario “alternativo” attraverso la gloriosa storia e tradizione dell’opera italiana. Il mezzo di trasporto del viaggio e’ la preparatissima Filarmonica Mousike’ di Gazzaniga, un gioiello di orchestra, coltivata da Trovesi e diretta dal maestro Savino Acquaviva, in cui trovano posto collaboratori di vecchia data quali il batterista Stefano Bertoli e il violoncellista Marco Remondini, quest’ultimo coinvolto attivamente anche per quanto riguarda diversi, splendidi, arrangiamenti. Il repertorio si divide in sei sezioni, con accanto il breve prologo di Alba e l’esteso epilogo della pucciniana Cosi’ Tosca, strutture in cui si mescolano e alternano la gioiosa esuberanza popolare di una ciaccona e di un saltarello (vecchio e ossessivo amore di Trovesi) insieme a motivi e arie colte (trasposte, tradotte e ingegnosamente tradite) di Monteverdi, Pergolesi, Verdi, Rossini, Mascagni e Puccini. Come solitamente accade nei lavori di Trovesi, il collante e l’incipit melodico di passaggio tra le varie sezioni e’ sovente dato dal suo clarinetto, guizzante, ironico e armonioso, mentre e’ il suo contralto che imprime le movenze monkiane di Friday The 13th e quelle coltraniane di Giant Steps nel baricentro dell’autografo Salterello Amoroso. Subito appresso a questa traccia prende forma il celebra tema Largo al factotum del “Barbiere di Siviglia”, sottolineato in maniera trasgressivamente distorta dal violoncello hendrixiano di Remondini. Sono due esempi, tra i tanti disseminati nella raccolta, di come Trovesi e soci rivoltino e frullino le portanze estetiche dei linguaggi folklorici, popolari e colti coinvolti con le dinamiche jazzistiche, modernamente swinganti anche nel momento in cui si avverte l’esigenza di equilibrate improvvisazioni e sortite strumentali individuali (tra cui piace ancora segnalare i bellissimi fraseggi del clarinetto di Trovesi nel solenne tema un pò tanguero di Frammenti Orfici, nella struggente variazione tematica di Profumo di Violetta II o nel piu’ dionisiaco e arioso motivo orchestrale di Vespone). Strategie e soluzioni che oltre a dar lustro all’epos del jazz orchestrale e sinfonico di matrice europea fanno di Profumo di Violetta un prodotto artistico originale e imperituro nel contesto dei traguardi raggiunti dall’eclettismo di Trovesi.


 


 




Voto: 8/10


Genere: Big Band Jazz / Creative Music


 


 




Musicisti:


Gianluigi Trovesi – piccolo clarinet, alto clarinet, alto sax


Marco Remondini – cello, electronics


Stefano Bertoli – drums, percussion


Savino Acquaviva – conductor


Filarmonica Mousike’


Valentina Noris, Maurizio Beltrami, Lidia Bressan (flute), Daniele Cugini (piccolo), Luigi Rapetti, Matteo Donadoni (oboe), Giuseppe Cattaneo (english horn), Ugo Gelmi, marco taraddei (bassoon), Beatrice Cattaneo, Luca Caravelli, Alessio Carrara, Pierluigi Brignoli, Federica Salvi, Stefano Rossi, Gaudenzio Cattaneo, Maurizio Biava, Silvia Banchetti, Alberto Locati, Simona Cuter, Francesco Chiapperini, Eugenio Capponi (clarinet), Luca Bonaldi (piccolo clarinet) Andrea Bergamelli (bass clarinet), Claudio Acerbis, Michele Margosio (alto sax), Dario Zanni (tenor sax), Mario Maffeis (baritone sax), Rocco Guerrini, Roberto Maffeis, Fabio Brignoli, Alessandro Salvi, Daniele Pezzoli, Stefano Carrara (trumpet), Diego Ottolini, Davide Biglienti, Maurizio Bazzana, Gianluca Tortora, Simone Maffioletti (trombone) Alessandro Valotti, Francesca Acerbis, Federica Bergamelli, Fulvio Cominelli, Francesco Peracchi, Fulvio Pezzoli (horn), Adamo Carrara (euphonium) Mauro Cadei, Davide Viada, Fabio Pagani (tuba), Diego Bombardieri, Raffaele Di Gioia, Michelangelo Donadini, Matteo Verzeroli, Paolo Pezzoli (percussion).


 


 


 




Brani:


01. Alba (prologo)


02. Toccata (Il mito)


03. Musa (Il mito)


04. Euridice (Il mito)


05. Ninfe avernali (Il mito)


06. Ritornello (Il mito)


07. Frammenti Orfici (Il mito)


08. Intrecciar Ciaccone (Il ballo)


09. Pur ti miro (Il gioco delle seduzioni)


10. Stizzoso, mio stizzoso (Il gioco delle seduzioni)


11. Vespone (Il gioco delle seduzioni)


12. Profumo di Violetta Part I (L’innamoramento)


13. Ah, fors’e’ lui che l’anima (L’innamoramento)


14. Profumo di Violetta Part II (L’innamoramento)


15. Violetta e le altre (L’innamoramento)


16. È Piquillo, un bel gagliardo (Il saltellar gioioso)


17. Salterellando (Il saltellar gioioso)


18. Antico saltarello (Il saltellar gioioso)


19. Salterello amoroso (Il saltellar gioioso)


20. Largo al factotum (Il saltellar gioioso)


21. Aspettando compar Alfio (La gelosia)


22. Il cavallo scalpita (La gelosia)


23. Cosi’, Tosca (Epilogo)


 




Links:


Gianluigi Trovesi: www.gianluigitrovesi.com


ECM Records: www.ecmrecords.com