RAMONA BORTHWICK | One Of Us

0
207

Ramona Borthwick
One Of Us
LeitMotif
2009

Trovano conferma in One Of Us, l’ultimo Cd della compositrice-pianista indo-americana Ramona Borthwick, l’ottima impressione e l’interesse prospettico che aveva gia’ suscitato il suo precedente lavoro, A New Leaf.


Fin dal primo ascolto di One Of Us, appare evidente una notevole maturazione artistica della Borthwick, non tanto forse nell’espressivita’ strumentale, della quale era gia’ ampiamente dotata, quanto nell’approccio stilistico della vena compositiva e nelle dinamiche degli sviluppi degli arrangiamenti. C’e’ una grande attenzione per le tessiture ritmiche, con frequenti e brillanti evoluzioni di tempo, sempre contraddistinti dalla una briosita’ di fondo che cattura l’ascoltatore in un ritmo serrato e lo calamita nel contesto ponendolo in uno stato mentale di positivita’ e distensione.


Il tema di fondo che la Borhtwick affronta, in questo suo recente lavoro, e’ quello della preservazione dell’integrita’ della terra affinche’ anche le generazioni future possano beneficiare dei suoi doni. Si tratta quindi di una delle problematiche piu’ sentite della storia contemporanea, particolarmente correlata alla sensibilita’ ed alla spiritualita’ che indubbiamente Ramona eredita dalle sue origini indiane.
Nel viaggio, un concept-album realizzato con composizioni interamente originali, la Borthwick esplora le diverse anime della terra, rappresentandole attraverso contaminazioni di musica latina e spunti culturali originari della sua lontana India natale, su un’impostazione costituita su solide basi di jazz di diverso genere e, prima ancora, di musica classica.
Nella realizzazione di questo intento, intrapreso ovviamente attraverso la musica, sviluppa un potere narrativo e di penetrazione, ed una capacita’ subliminale di raggiungere e costringere, interrogare e mettere a nudo, la coscienza dell’ascoltatore negli strati piu’ profondi.
Lo spirito dell’intero disco e’ ben riassunto e rappresentato in Whòs Your Mama, brano d’apertura del Cd, che prospetta una raccolta diffusamente permeata di swing e costellata da passaggi compositivi post-bop e la ricorrente variegatura dello strumento vocale. Notevole attenzione e’ infatti riservata alla coralita’, una branca che, da sempre, la Bortwich ha ben curato quale parte integrante della sua strumentazione, e di cui, in questo disco, si occupa personalmente. E non sono rari  momenti compositivi di notevole lirismo, com’e’ proprio in One Of Us, il brano che presta il nome al disco, ed in Gaia, che rievoca nell’intro i drammi e la contraddizioni della genesi della terra.
Raffinate ed eleganti le aperture cool di Eight Winds, dove lo swing incontra trasversalmente i ritmi latini con il tema magistralmente sviluppato dalla brillante e passionale trombettista Ingrid Jensen, a cui, con la grande generosita’ e stima che sempre contraddistingue la Bortwick nei riguardi dei collaboratori dei suoi progetti artistici, e’ affidata la frase solista di apertura del disco; ed ancora risaltano il contributo del contrabbasso e l’uso della vocalita’. Samba e bossa –  di nuovo felicemente rappresentati in Rio Alegre – lasciano emergere tutto il luminoso pianismo della Borthwick ed evidenziano un altro personaggio, cui spetta un cenno doveroso, Noel Borthwick. Fedele compagno d’avventura, che con Ramona condivide la regia e la produzione del progetto, Noel e’ anche un ottimo tecnico nonche’ chitarrista di rango, ed assume pertanto un ruolo di piena titolarita’ nel gruppo. In particolare, in questo brano, interpreta felicemente anche lo spirito carioca dimostrando ottima assimilazione e capacita’ interpretativa delle tematiche sud-occidentali.
Da menzionare restano ancora il contrabbassista tedesco Johannes Weidenmueller, che con la quadratura e la fluidita’ del suo tocco percorre l’intero Cd, costellandolo di fantasia armonica ed, a tratti, di vera e propria portanza compositiva; ed il brillante batterista Adam Cruz, il cui apporto ritmico, grazie alle sue consolidate esperienze con i migliori esponenti del jazz sudamericano, contribuisce fortemente e particolarmente all’accrescimento dello spirito jazz-latino dell’intero progetto.

Solo per sottolineare quanto costantemente crescente sia l’interesse verso quest’artista ricordiamo tra l’altro che, nel mese di maggio, il Cd compare nella HotBox della prestigiosa rivista DownBeat Magazine.



Musicisti:


Ramona Borthwick – piano, composition, vocals
Ingrid Jensen – trumpet – flugelhorn
Noel Borthwick – guitarist
Johannes Weidenmueller – bassi
Adam Cruz – drums.


Tracks:


01 Who’s Your Mama
02 Chinese Whispers
03 Listening to Love
04 One of Us
05 Resident Alien
06 Gaia
07 Eight Winds
08 Garden of the Gods
09 Retrospeak
10 Rio Alegre


Links:


http://www.ramonaborthwick.com/
http://www.leitmotif.com/


L’intervista di Sound Contest a Ramona Borthwick