FRANCESCO CUSA & THE ASSASSINS | Love

0
412

FRANCESCO CUSA & THE ASSASSINS
Love
Improvvisatore Involontario
2015

Francesco Cusa dovrebbe essere clonato e moltiplicato. Ce ne fossero tanti di più come lui, la scena jazzistica nazionale sarebbe se non migliore almeno varia e spassosa. Provocatore e sobillatore come pochi, il batterista e compositore catanese resta un “dropout” imprevedibile e imprendibile, pungente e sarcastico nella parola come nella musica. Guidato da un’estetica spesso surreale e grottesca, dove opinione e fantasia creativa non trovano limiti di sorta, Francesco Cusa riprende con “Love” il discorso iniziato da “The Beauty And The Grace” (2012). Nuovo il disco e rinnovata, anzi ampliata, anche la formazione del progetto The Assassins, ora un quartetto che oltre al leader, a Flavio Zanuttini e a Giulio Stermieri (subentrato a Luca Dell’Anna) ingloba il bravo Cristiano Arcelli nel ruolo che sul precedente disco vedeva ospite Piero Bittolo Bon.

 

Sette composizioni, tutte firmate da Cusa, dove la musica è un pretesto logico e (in)cosciente per frullare insieme scrittura e improvvisazione e offrire un cocktail sonoro che mira all’alterazione dei sensi. Tracce quali Escher e Intricate Corvai conducono subito ad effetti collaterali che incrinano e forzano il groove frastagliato di fondo con temi armonici e soluzioni ritmiche che molto devono alla corrente M-Base newyorkese e al dub visionario e lisergico di Bill Laswell quand’era in combutta con Toshinori Kondo. La ricetta di Cusa arreca tuttavia tratti originali nell’osmosi tra il suono dell’hammond e gli effetti elettronici, tesi a sondare abissi intergalattici e trasfigurare in più di un’occasione le evoluzioni della tromba di Zanuttini, fino a trasformare la musica in un “thriller” metropolitano che precipita e collassa nel “nonsense”.

 

Le figurazioni poliritmiche di Cusa cingono in modo energico e serrato un discorso strumentale spesso votato a trasformare un’ovvia formula funk-electric jazz (dove inevitabili sono i rimandi alla lezione davisiana) in qualcosa di alieno e ultradimensionale, qualcosa che ricorda anche certi azzardi riusciti a meraviglia a un signore chiamato Rob Mazurek. La parte migliore e più avventurosa di “Love” è però nei suoni di tre magnifici pezzi posti uno dietro l’altro: Oslo, Wrong Measures e The Act Of Killing Music. Euforia, eclettismo e fantasia allo stato puro. Suggestioni cinematiche che si scontrano con ipotesi ambient, space music, hard boiled, fusion, free noise, elettronica, dub, psichedelia, blues, post-rock e post-bop. Un turbine di note, accordi e ritmi che scardinano convenzioni e tradizioni, un beffardo affresco di indisponenza stilistica che coglie miracolosamente nel segno. Come dire: nevrosi, follia e urgenza come cura e antidoto alla piatta quotidianità. L’assurdità è invece nel duplice epilogo di Ending 1 e 2, drone-ambient jazzisticamente dilatata e schizofrenica. Sarebbe piaciuta anche al compianto Daevid Allen. Cento e mille di questi Cusa.

 

 

Voto: 8/10

Genere: Avant Jazz

 

 

Musicisti:

Cristiano Arcelli- alto sax

Flavio Zanuttini – trumpet, electronics

Giulio Stermieri – hammond, keyboards

Francesco Cusa – drums

 

 

Brani:

01. Escher

02. Intricate Corvai

03. Oslo

04. Wrong Measures

05. The Act Of Killing Music

06. Ending 1

07. Ending 2

 

 

Links:

Francesco Cusa

Improvvisatore Involontario

FRANCESCO CUSA & THE ASSASSINS | Love   FRANCESCO CUSA & THE ASSASSINS | Love