UNIVERSAL MUSIC PUBLISHING GROUP acquisisce l’intero catalogo di canzoni di BOB DYLAN

L'accordo comprende più di 600 copyright che coprono 60 anni di musica.

0
100

Il singolare corpus di opere di Dylan gli è valso un Premio Nobel per la letteratura nel 2016 “per aver creato nuove espressioni poetiche all’interno della grande tradizione canora americana”

SANTA MONICA – 7 dicembre 2020 – Universal Music Publishing Group (UMPG), la principale divisione mondiale di editoria musicale di Universal Music Group, ha annunciato oggi l’acquisizione dell’intero catalogo di canzoni di Bob Dylan. Questo accordo storico include oltre 600 diritti d’autore e copre un arco di oltre 60 anni, dalla storica hit del 1962 Blowin ‘In The Wind al successo di quest’anno con Murder Most Foul.

Jody Gerson, Presidente e CEO di UMGG, ha dichiarato: “Rappresentare il corpus di lavoro di uno dei più grandi cantautori di tutti i tempi – il cui significato culturale non può essere sottolineato abbastanza – è un privilegio e una responsabilità. UMPG è onorata di essere il partner editoriale di Bob Dylan e in particolare desidero ringraziare Marc Cimino, la cui passione e perseveranza hanno contribuito a rendere questa opportunità una realtà. Non vediamo l’ora di lavorare con Bob e l’intero team per garantire che la sua arte possa continuare a toccare ed ispirare generazioni di fan, artisti e cantautori in tutto il mondo “.

Sir Lucian Grainge, Presidente e CEO di Universal Music Group, ha dichiarato: “Avendo iniziato la mia carriera nell’editoria musicale, è con enorme orgoglio che oggi diamo il benvenuto a Bob Dylan nella famiglia UMG. Non è un segreto che l’arte di scrivere canzoni sia la chiave fondamentale di tutta la grande musica, né è un segreto che Bob sia uno dei più grandi esponenti di quell’arte. Brillanti e commoventi, stimolanti e bellissime, perspicaci e provocatorie, le sue canzoni sono senza tempo, che siano state scritte più di mezzo secolo fa o solo ieri. Non è un’esagerazione affermare che il suo vasto lavoro ha suscitato l’amore e l’ammirazione di miliardi di persone in tutto il mondo. Non ho dubbi che tra decenni, o addirittura secoli, le parole e la musica di Bob Dylan continueranno a essere cantate, suonate – e amate – ovunque “.

Le canzoni di Bob Dylan sono state reinterpretate più di 6.000 volte, da una lunga serie di artisti che rappresentano decine di paesi, culture e generi musicali diversi. Alcuni dei suoi lavori più noti includono il già citato “Blowin ‘In The Wind”, “The Times They Are a-Changin'”, “Like A Rolling Stone”, “Lay Lady Lay”, “Forever Young”, “Knockin ‘On Heaven’s Door “,” Tangled Up In Blue “,” Gotta Serve Somebody “,” Make You Feel My Love “e il brano vincitore del premio Oscar” Things Have Changed “.

Bob Dylan è uno degli artisti più influenti e innovativi della nostra cultura. Da quando, alcuni decenni fa, è entrato per la prima volta nel cuore del pubblico, attraverso la scena musicale folk del Greenwich Village di New York nei primi anni ’60, Bob Dylan ha venduto più di 125 milioni di dischi in tutto il mondo ed ha realizzato un singolare corpus di lavoro che include alcuni dei più grandi e più famosi brani che il mondo abbia mai conosciuto. Continua ad attraversare il mondo, esibendosi in quasi 100 concerti all’anno di fronte a un pubblico che abbraccia la sua nuova musica con lo stesso fervore con cui ama i suoi classici. Nel 2016 è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura – il primo cantautore a ricevere un tale riconoscimento – citato dall’Accademia svedese “per aver creato nuove espressioni poetiche all’interno della grande tradizione canora americana”.

Chi siamo – Universal Music Publishing Group

Universal Music Publishing Group (UMPG) è un editore musicale leader a livello mondiale con 48 uffici in 46 paesi. Con sede a Los Angeles, UMPG rappresenta la musica di ogni genere di alcuni dei più importanti autori e cantanti al mondo. Tra questi troviamo: ABBA, Adele, Jhené Aiko, Alabama Shakes, Alex Da Kid, Axwell & Ingrosso, Bad Bunny, J Balvin, Bastille, Beach Boys, Beastie Boys, Bee Gees, Irving Berlin, Leonard Bernstein, Jeff Bhasker, Justin Bieber, Benny Blanco, Chris Brown, Kane Brown, Mariah Carey, Brandi Carlile, Michael Chabon, Kenny Chesney, Desmond Child, The Clash, Coldplay, Elvis Costello, DaBaby, Jason Derulo, Alexandre Desplat, Neil Diamond, Disclosure, Dua Lipa, Billie Eilish, Danny Elfman, Eminem, Gloria and Emilio Estefan, Florence + the Machine, Future, Martin Garrix, Selena Gomez, Ariana Grande, Al Green, Halsey, Emile Haynie, Jimi Hendrix, Don Henley, H.E.R., Sam Hunt, Imagine Dragons, Carly Rae Jepsen, Tobias Jesso Jr., Billy Joel, Elton John/Bernie Taupin, Joe Jonas, Nick Jonas, Alicia Keys, Kendrick Lamar, Lil Baby, Lil Yachty, Linkin Park, Logic, Demi Lovato, the Mamas & the Papas, Steve Mac, Maroon 5, Dave Matthews, Megan Thee Stallion, Shawn Mendes, Metallica, Metro Boomin, Miguel, Nicki Minaj, Stephan Moccio, Maren Morris, Mumford & Sons, Nas, Randy Newman, New Order, Ne-Yo, Pearl Jam, Post Malone, Quavo, Otis Redding, R.E.M., Red Hot Chili Peppers, Rex Orange County, Rosalía, Carole Bayer Sager, Gustavo Santaolalla, Schoolboy Q, Sex Pistols, Carly Simon, Paul Simon, Britney Spears, Bruce Springsteen, Stax (East Memphis Music), Harry Styles, Taylor Swift, SZA, Shania Twain, Justin Timberlake, U2, Keith Urban, Jack White, Zedd e tanti ancora.

Chi siamo – Universal Music Group

Universal Music Group (UMG) è il leader mondiale nell’intrattenimento musicale, con un’ampia gamma di attività nella musica registrata, nell’editoria musicale, nel merchandising e nei contenuti audiovisivi in ​​più di 60 paesi. Con il catalogo più completo di registrazioni e canzoni di ogni genere musicale, UMG scopre e fa crescere tanti artisti, produce e distribuisce la musica più apprezzata dalla critica e di maggior successo commerciale al mondo. Impegnata nell’arte, innovazione e imprenditorialità, UMG promuove lo sviluppo di servizi, piattaforme e modelli di business al fine di ampliare le opportunità artistiche e commerciali per i nostri artisti e creare nuove esperienze per i fan. Universal Music Group è una società Vivendi. Scopri di più su http://www.universalmusic.com.

Bob Dylan

Bob Dylan è uno degli artisti più influenti e innovativi della nostra cultura. Da quando, alcuni decenni fa, è entrato per la prima volta nel cuore del pubblico, attraverso la scena musicale folk del Greenwich Village di New York nei primi anni ’60, Bob Dylan ha venduto più di 125 milioni di dischi in tutto il mondo ed ha realizzato un singolare corpus di lavoro che include alcuni dei più grandi e più famosi brani che il mondo abbia mai conosciuto. Continua ad attraversare il mondo, esibendosi in quasi 100 concerti all’anno di fronte a un pubblico che abbraccia la sua nuova musica con lo stesso fervore con cui ama i suoi classici. Nel 2016 è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura – il primo cantautore a ricevere un tale riconoscimento – citato dall’Accademia svedese “per aver creato nuove espressioni poetiche all’interno della grande tradizione canora americana”. Negli ultimi anni, il suo lavoro come autore e artista visivo ha ulteriormente aumentato la sua popolarità e il suo plauso; un libro di memorie best-seller in tutto il mondo, Chronicles Vol.1, è stato per 19 settimane nell’elenco dei best seller del New York Times, nel 2004, e negli ultimi anni sono stati esposti molti suoi dipinti in importanti mostre nei musei e delle gallerie più prestigiose al mondo.

Nato a Duluth, Minnesota, il 24 maggio 1941, Bob Dylan trascorre la maggior parte dell’infanzia nella città mineraria di Hibbing. Dylan ha imparato da autodidatta a suonare il pianoforte e la chitarra e ha fatto parte di diverse band, frequentando poi l’Università del Minnesota per un anno, nel 1959. Si è trasferito a New York nel 1961 – fortemente influenzato da Woody Guthrie e altri artisti folk americani – e ha iniziato a suonare in vari club nella fiorente scena della musica folk del Greenwich Village. Dopo aver firmato con la Columbia Records grazie al famoso dirigente della A&R John Hammond nel 1961, ha pubblicato il suo omonimo album di debutto nel 1962.

Molte delle prime canzoni di Dylan sono state rese famose da altri artisti, come Joan Baez e Peter, Paul & Mary, le cui versioni delle sue composizioni classiche “Blowin ‘In The Wind” e “The Times They Are A Changin'” hanno contribuito a far conoscere il giovane artista ad un pubblico più vasto. Dalle sue prime esibizioni nei caffè del Greenwich Village, dai festival e dai raduni popolari nei primi anni ’60 ai concerti rock negli stadi degli anni ’70 e ai successivi tour internazionali annuali, Bob Dylan si ha costruito una reputazione duratura come uno dei più grandi artisti live al mondo. Ha pubblicato più di 50 album e ha scritto più di 600 canzoni, alcune delle più famose sono le già citate “Blowin ‘in the Wind”, “Like A Rolling Stone”, “All Along The Watchtower”, “Knockin’ On Heaven’s Door “e” Make You Feel My Love “. Le sue canzoni sono state interpretate più di 6.000 volte da artisti diversi come Duke Ellington, Jimi Hendrix, Guns N ‘Roses, Stevie Wonder, Rod Stewart, gli Staple Singers, i Red Hot Chili Peppers, Bob Marley, Pearl Jam, Neil Young, Adele e gli U2.

Il contributo di Dylan alla cultura mondiale è stato riconosciuto e premiato numerose volte. Ha ricevuto un dottorato honoris causa in musica dalla Princeton University, New Jersey, nel 1970 e un altro dall’Università di St. Andrews, in Scozia, nel 2004. Il presidente Clinton gli ha conferito un Kennedy Center Honor alla Casa Bianca nel 1997, riconoscendo l’eccellenza del suo impatto sulla cultura americana. La canzone di Dylan ‘Things Have Changed’ dal film Wonder Boys (2000) gli è valsa un Oscar nel 2001. Nel 2007, Bob Dylan ha ricevuto il premio spagnolo Prince of Asturias per le arti e nel 2008 un premio speciale Citation Pulitzer “per il suo profondo contributo alla musica popolare e la cultura americana, segnata da composizioni liriche di straordinaria carica poetica”. Nel 2013, ha ricevuto l’Officier de la Legion d’honneur in Francia e nel 2012 è stato insignito della Presidential Medal of Freedom da Barack Obama.

Oltre a vincere 11 Grammy Awards, sei dei suoi brani sono entrati a far parte della Grammy Hall of Fame, che onora la musica di “importanza storica o qualitativa” cha abbia almeno 25 anni.

Il suo ultimo album, Rough and Rowdy Ways del 2020, ha debuttato nella Top Ten in 13 paesi, e raggiunto il primo posto nelle classifiche di Regno Unito, Irlanda, Norvegia, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Germania e Svizzera; in seconda posizione invece negli Stati Uniti, Australia e Belgio; in terza in Svezia e in quarta in Francia e Italia. Il secondo singolo dell’album negli Stati Uniti ha rappresentato il debutto in classifica più alto di Dylan dal 2009 nelle classifiche USA, e ha segnato il 18° album in studio dell’artista a debuttare direttamente nella Top 10 degli Stati Uniti.