Paolo Fresu Devil Quartet a Il Ueffilo – Gioia del Colle, 19 dicembre 2008

0
240
Paolo Fresu Devil Quartet

Venerdì 19 dicembre
Il Ueffilo – Cantina a Sud, Gioia del Colle (Bari)


Paolo Fresu, tromba, filicorno, effetti
Bebo Ferra, chitarra
Paolino Dalla Porta, contrabbasso
Stefano Bagnoli, batteria


 
Un evento veramente unico segna il quarto appuntamento della rassegna 2008/2009 del Ueffilo Jazz Club in collaborazione con Jazzitalia e con MPS Banca Personale (Gruppo Montepaschi): venerdì 19 dicembre lo stage vedrà impegnato in un entusiasmante doppio set (20,00/22,00) il Paolo Fresu Devil Quartet.

Insieme a Paolo Fresu, al Ueffilo ci saranno Bebo Ferra alla chitarra, Paolino Dalla Porta al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria.

L’idea che sta alla base della nuova avventura di Paolo Fresu nasce alla fine del 2003, quando si rese evidente la volontà di formare un nuovo quartetto dopo la fortunata esperienza dell’Angel Quartet. A metà strada fra il serio e il faceto, il nome del gruppo nasce proprio sull’idea di scherzare sulla continuazione del discorso musicale iniziato con “Angel”. “Devil” è stata la prima risposta “logica”.

Come per “Angel”, anche il nuovo gruppo nasce con la caratteristica del voler puntare su un gruppo internazionale, ricco cioè di grandi musicisti italiani ed extranazionali.

Paolino dalla Porta e Bebo Ferra sono vecchie amicizie musicali di Paolo, già attive in passato in diverse avventure artistiche. Paolo ha invece incontrato Morten Lund a Gòteborg, in Svezia, in occasione del “Nordic Meeting 2000” organizzato dalla Radio svedese e che vide della partita anche il pianista nordico Lars Jansson. Sempre maggiormente, nel corso delle ultime tournèe, il batterista del gruppo è però diventato Stefano Bagnoli che è ormai diventato componente stabile ed ufficiale del gruppo.

Il suono, rispetto a “Angel” è sicuramente più acustico rispetto ad altre esperienze passate anche se “filtrato” attraverso l’elettronica di Fresu e di Ferra, il quale però, usa spesso anche lo strumento acustico.

Un repertorio enciclopedico che spazia da materiali originali composti dai componenti del combo,  a standards opportunamente rivisitati grazie a raffinate tecniche moderne.

 

Doppio set: ore 20,00 (primo), ore 22,00 (secondo).
Il concerto è l’unica data per la Puglia.


L’ appuntamento  sarà arricchito dalla degustazione di prodotti tipici.
Food and Music: 30 euro.

Il Ueffilo – Cantina a Sud è in Gioia del Colle(Ba)-via Donato Boscia 21.
Info e prevendite: 339/8613434 – 080/3430946  – Centro Musica : 080 – 521.17.77
web: www.ueffilo.com, info@ueffilo.com
 

 

BREVI NOTE BIOGRAFICHE

Paolo Fresu

La banda del paese e i maggiori premi internazionali, la campagna sarda e i dischi, la scoperta del jazz e le mille collaborazioni, l’amore per le piccole cose e Parigi. Esiste davvero poca gente capace di mettere insieme un tale abbecedario di elementi e trasformarlo in un’incredibile e veloce crescita stilistica.

Paolo Fresu c’è riuscito proprio in un paese come l’Italia dove – per troppo tempo – la cultura jazz era conosciuta quanto Shakespeare o le tele di Matisse, dove Louis Armstrong è stato poco più che

fenomeno da baraccone di insane vetrine sanremesi e Miles Davis scoperto “nero” e bravo ben dopo gli anni di massima creatività.

La “magia” sta nell’immensa naturalezza di un uomo che, come pochi altri, è riuscito a trasportare il più profondo significato della sua appunto magica terra nella più preziosa e libera delle arti.

A questo punto della sua fortunata e lunga carriera, forse non serve più enumerare incisioni, premi ed esperienze varie che lo hanno imposto a livello internazionale e che fanno sistematicamente ed

ecumenicamente amare la sua musica: dentro al suono della sua tromba c’è la linfa che ha dato lustro alla nouvelle vague del jazz europeo, la profondità di un pensiero non solo musicale, la generosità che lo vuole “naturalmente” nel posto giusto al momento giusto ma, soprattutto, l’enorme ed inesauribile passione che lo sorregge da sempre.

Il presente di Paolo è – come al solito – turbinoso, degno dell’artista onnivoro e creativo che tutti

riconoscono in lui.

Oggi è fatto del suo storico quintetto che ha girato la boa dei quasi 25 anni di piena collaborazione e

stima reciproca, ma è anche quello del nuovissimo quartetto “Devil”, pronto a riscattare – con un

nuovissimo cd proprio dietro l’angolo – i successi del celebrato “Angel” che impose Paolo all’attenzione europea più o meno una decina di anni fa.

Crescono poi le importanti realtà contemporanee: il duo con Uri Caine e la collaborazione con Carla Bley e Steve Swallow (la grande signora del jazz moderno si è letteralmente innamorata del suono di Paolo) sono soltanto alcune di queste.

 
Bebo Ferra
 
chitarrista tra i più richiesti nell’ambito nazionale, vanta collaborazioni con diversi artisti di importanza sia in Italia sia all’estero tra cui Paul Mc Candless, Billy Cobham, Enrico Rava, Franco D’Andrea, Pietro Tonolo, Mauro Negri, J.P Ceccarelli, Carol Welsman, Paolo Fresu e Gianni Coscia. Da qualche anno a questa parte è riconosciuto quale uno dei migliori compositori nazionali.

Ha suonato nei più importanti festival e rassegne nazionali e in Europa e ha all’attivo più di venti dischi, di cui tre come leader, fra cui il recente, fortunato, “Mari Pintau”. Collabora alla creazione di musiche per il cinema e il teatro, incidendo con l’Orchestra della Scala di Milano musiche di scena scritte e dirette da Carlo Boccadoro.


Paolino Dalla Porta

uno degli storici e più affermati contrabbassisti italiani, ha all’attivo circa ottanta incisioni molte delle quali con musicisti di fama mondiale, tra cui Kenny Wheeler, Kurt Rosenwinkler, Lester Bowie, Michel Petrucciani, Oliver Lake, Domenique Pifarely, Aldo Romano, Enrico Rava.

Ha compiuto tournèe in Europa, Stati Uniti, Australia e Polinesia e ha suonato nei principali festival internazionali. Ha recentemente composto le musiche per il documentario ” Magie d’Africa” di Achille Mauri, la colonna sonora del film ” Domenica” di Wilma Labate e formato un nuovo quintetto a nome proprio.


Stefano Bagnoli

Conquistatosi nell’ambiente batteristico il titolo di “Brushman” in quanto raffinato specialista nell’uso delle spazzole, è da molti anni al fianco di alcuni prestigiosi personaggi e gruppi del mondo jazzistico nazionale. Di rilievo le collaborazioni con artisti stranieri tra i quali Clark Terry, Cedar Walton, Harry Sweet Edison, Buddy de Franco, Curtis Fuller, Johnny Griffin, Chico Buarque, Chucho Valdes, Bob Wilber, Peter Washington, Sir Roland Hanna, Al Grey, Jimmy Woody, Bob Mintzer e molti ancora.

Circa un centinaio le registrazioni discografiche dall’inizio della carriera (1978) ad oggi, a confermare la sua estrema creatività e duttilità stilistica.

Attualmente è impegnato con i gruppi di Francesco Cafiso, Paolo Fresu, Franco Ambrosetti, Dado Moroni, Andrea Pozza, Gianni Basso, Mario Rusca e Franco Cerri.