LIVIO MINAFRA | La fiamma e il cristallo

0
318

Livio Minafra
La fiamma e il cristallo
Enja Records - distr. Egea
2008


Trabocca di classe tecnica e fantasia la nuova prova discografica di Livio Minafra, giovane talento tricolore che ha saputo sfruttare con intelligenza e personalita’ il suo privilegiato retaggio musicale fitto di esempi ed esperienze fondamentali. La fiamma e il cristallo e’ una registrazione (per solo piano) che equivale a una stanza di specchi deformanti. Questi restituiscono un riflesso e un’immagine dell’artista dinamicamente cangianti, come le forme e le strutture di pezzi che ingoiano modelli e canoni felicemente digeriti e metabolizzati. A descrivere e a raccontare l’opera nel dettaglio sono gia’ le liner notes di due calibri massimamente addentro nella faccenda quali i maestri Claudio Abbado e Giorgio Gaslini, cosicche’ questa recensione sara’/sarebbe del tutto inutile e superflua. In sintesi posso solo aggiungere che Livio Minafra esterna una padronanza di scrittura impressionante, un pensiero architettonico della melodia e dell’armonia saldissimo e particolarmente ficcante, imbevuto di quel classicismo rivoluzionario e “atemporale” che risponde ai nomi di Debussy, Shostakovich, Korsakov, Liszt, Scriabin, Prokofiev e Rachmaninov. La fiamma e il cristallo e’ un disco esteticamente ibrido e di confine, nel senso che la sua discorsivita’ tange tanto l’universo colto-contemporaneo (pagando un sacrosanto tributo all’opera di Alfredo Casella e ai suoi Eleven Children’s Pieces) quanto quello folklorico e afromericano. In molti casi si tratta di aspetti e codici perfettamente integrati in un unicum espressivo e sonoro che transita da atmosfere delicate e intime (Ninna per Mimma, l’intensa Nella notte il cristallo e Rintocchi) a vertiginosi ostinati e glissando (Campane, La danza del vulcano, l’esotica Muezzin), da timbri percussivamente scherzosi e graziosi (Choof Choof), a temi spettinati e sperimentalmente impressionistici (Polvere e soprattutto Bulgaria, un folk-impro-jazz dal passo vivacissimo, giocata tra cluster, fraseggi e crepitanti “string-chords estratti dal ventre della tastiera). Da qui un album ricercato e d’indubbio spessore, che restituisce l’immagine di uno straordinario compositore e performer e che associa la cosmesi del suono a una brillante cantabilita’.


 




Voto: 8/10


Genere:  Contemporary / Jazz


 


 




Musicisti:


Livio Minafra – piano


 


 


 




Brani:


01. Ninna per Mimma


02. Choo Choof


03. Polvere


04. La danza del vulcano


05. Rintocchi


06. Muezzin


07. Cerbiatto


08. Campane


09. Bulgaria


10. Nella notte il cristallo


 


 




Links:


Livio Minafra: www.minafrasprod.com


Enja Records: www.enjarecords.com