GENTEINATTESA – da leggersi così, tutto d’un fiato – è il primo disco del cantautore di Udine PIERO SIDOTI

0
187

E’ prodotto da PRODUZIONI FUORIVIA e distribuito da EGEA MUSIC su etichetta ODD TIMES RECORD. E’ disponibile dal mese di maggio 2010.
Il Cd ha gli arrangiamenti di Antonio Marangolo e nel bel libretto che lo accompagna i bei  disegni di Gianluca Buttolo.
E’ introdotto da un commento del giornalista Massimo Cotto e dalla presentazione entusiasta di Lucio Dalla che ebbe modo di conoscere Piero al Premio Recanati nel 2004, apprezzandolo al punto da mettere a disposizione il suo studio personale per la registrazione di 3 brani presenti nel disco (“La Venere nera”, “La conta di Caino” e “La rapina”). Su alcune tracce si riconoscono gli interventi dell’amico e attore Giuseppe Battiston.

GENTEINATTESA è un titolo vagamente beckettiano. Rimanda a persone anonime che stazionano nell’incertezza, aspettando che arrivi il loro treno-Godot. E intanto, in quella pausa di sospensione, affidano alla fertilità dell’immaginazione disincantata la linea della loro resistenza ingegnosa. Più che vivere al centro, è gente comune che sopravvive ai margini e proprio lì, in quelle periferie dell’animo e della società, affina una propria particolare sensibilità, capace di rubare alle cose attimi unici di emozioni e pensieri, per piccole storie quotidiane intrise di irripetibile originalità umana.
In12 tracce si disegna una galleria irresistibile di ritratti umani, con personaggi defilati, rimossi, disattesi: la prostituta di “venere nera”, un vecchio ballerino in disarmo, un acrobata, un prigioniero, un musicista, un giovane precario a vita.
Quasi un concept album,-debitore, in molti tratti della tradizione del “teatro canzone”- sui disagi e le contraddizioni di una generazione e di un’epoca.

Piero Sidoti fa il professore di matematica e scienze a Udine, è una persona normale e arriva al suo primo vero disco all’età di 42 anni. Ci arriva tardi, inutile negarlo, ma la sua storia comincia molto prima e i riconoscimenti importanti non sono mancati, a cominciare dalla vittoria al Premio Recanati (oggi Musicultura) e dagli apprezzamenti di importanti rappresentati del mondo della musica italiana. Ci arriva tardi, a voler sintetizzare, perchè Piero è una persona coerente, che non ama i compromessi nè le facili scorciatoie. E noi che siamo dei pazzi sognatori glielo produciamo perchè siamo rimasti conquistati dalla bellezza intensa del progetto, dalla sua voce grave e al tempo stesso limpida e anche perchè lo sentiamo quasi come un dovere morale, nonostante i tempi duri e bui.



LA PRESENTAZIONE DI LUCIO DALLA
Gente in attesa: finalmente è arrivato e si fa vedere e sentire da tutti.
Ho sempre ascoltato, incontrato Sidoti come uno che venisse da fuori e che raccontasse storie che partivano da lontano come lui, storie che parlavano di persone strane o poco incontrate, se non addirittura mai viste, che nel mio immaginario, sparse per l’Europa centrobalcanica, cambiassero treno o vita a Trieste (“Trst” in sloveno) e che non dormissero se non due o al massimo tre volte alla settimana e mangiassero solo pesci volanti o chissà quali altre stranezze.
Cosa rende diverso Sidoti dalla maggior parte di quelli che cantano, scrivono o tutte due le cose? Francamente non lo so con certezza ma suppongo siano la sua faccia e la sua provenienza etnica e culturale. Piero sa molte cose e non te le dice tutte in una volta ma parte da lontano come tutti quelli che vengono dal nord del mistero e magari ti raccontano di una puttana brasiliana che lavora tra Gorizia e Fiume e vive con una giovane scimmia che tutto il giorno sbriciola arachidi e brustulli. Non so se avete capito che, finalmente, mi trovo davanti a qualcosa di veramente diverso, ad occhi usati in un altro modo per sentire più che vedere e ad orecchie fatte apposta per ascoltare misteriosi tramonti o albe sul mare.
Senza entrare nel bosco delle parole e nella trappola della retorica, vi do l’unico consiglio per
gustare questo disco: prendete il fiato, trattenetelo e buttatevi giù fino in fondo.


LA PRESENTAZIONE DI MASSIMO COTTO
È strana e affascinante la commedia umana di Piero Sidoti, uno di quelli che gioca con le parole come il gatto con il topo. In apparenza non ci sono vincitori ma solo vinti, però poi, secondo il decalogo di De Andrè, dietro l’ultima curva si trasformano tutti in anime salve, vagabondi della vita, camminatori scalzi di un palcoscenico dove non esistono le sconfitte ma solo vite emarginate, percorsi in bilico dove cadere è un attimo, ma l’attimo non arriva mai perchè esiste ancora un dio, anche se per loro ha la minuscola.
Sono veneri nere che si svegliano alla luna e poi vanno alla deriva. Sono ballerini della Scala ridotti a sognare l’ultimo spettacolo con Bobby il cagnolino, spettatore residuo di un’opera buffa solo per chi non ha mai provato il senso di disperazione che avvolge chi non ha un presente e può coniugarsi soltanto al passato. Sono orchi buoni che tentano di sfuggire alle fiabe perchè il lieto fine non è mai per loro.
Non ci sono solo personaggi da accarezzare, però, altrimenti non sarebbe vita, ma solo commedia. Nella guerra di Piero, i fucili sono puntati contro chi rigetta le responsabilità in nome di una mal interpretata eterna adolescenza e contro chi cammina con la schiena dritta solo perchè pensa di essere fuori dal coro e invece è uno dei tanti, pronto a sparare pallottole di rapida cultura senza sapere che gente così è sempre caricata a salve.
Piero Sidoti ha la felicità piena dell’uomo che è sempre contento solo a metà. E infatti scrive che “la vita è bella come una ferita, come la polvere che non si stacca mai dalle dita”; non rincorre lune piene con amanti dalla facce deficienti, si concede, al limite, il breve lusso di una richiesta semplice: un giocattolo che lo riporti bambino. Solo per un attimo, però. Poi, accetta che rotoli via. Sa che il passaggio a livello non può nè deve restare aperto per sempre.
Sapere che esistono artisti come Piero Sidoti – sobrio fino all’eccesso, uno che alle scorciatoie preferisce il deserto purchè la sabbia resti sua –  fa bene alla musica. E a tutti noi che a volte ci dimentichiamo che sopravvivere è una cosa, vivere un’altra.


LE CANZONI
Tutte le canzoni sono di PIERO SIDOTI, parole e  musica
La venere nera
voce Piero Sidoti; batteria e percussioni Roberto Dani, contrabbasso Salvatore Maiore; chitarre (classica e semiacustica) Francesco Bertolini; piano e sassofono Antonio Marangolo; voce Alessandra Pascali
Pecore bianche
Voce e chitarra Piero Sidoti; batteria e percussioni Claudio Giusto; tastiere e sassofono Antonio Marangolo; special guest Giuseppe Battiston
Bobby e il ballerino
voce e chitarra Piero Sidoti; batteria e percussioni Claudio Giusto; piano e tastiere Antonio Marangolo
Il giocattolo
voce e chitarra Piero Sidoti; batteria e percussioni Claudio Giusto; piano e tastiere e tromba Antonio Marangolo; cori Piero Sidoti e Antonio Marangolo
L’acqua risale
Voce, chitarra e programmazione percussioni Piero Sidoti; percussioni Claudio Giusto; tastiere, sassofono e percussioni Antonio Marangolo; special guest Maurizio Tatalo
Da difendere
voce e chitarra Piero Sidoti; piano, tastiere e percussioni Antonio Marangolo; violoncello Antonella Macchion
I giovani
voce Piero Sidoti; batteria Claudio Giusto; chitarre Francesco Bertolini;  tastiere e sassofoni Antonio Marangolo
La conta di Caino (il condannato a morte)
voce Piero Sidoti; batteria Roberto Dani, contrabbasso e violoncello Salvatore Maiore; chitarre (classica e semiacustica) Francesco Bertolini; piano e sassofoni Antonio Marangolo; voce Alessandra Pascali
La mia generazione
Voce, chitarre e programmazione percussioni Piero Sidoti; percussioni, tastiere e sassofoni Antonio Marangolo
La rapina
voce Piero Sidoti; chitarra semiacustica Francesco Bertolini; sassofono e percussioni Antonio Marangolo; violoncello Salvatore Maiore, voce Alessandra Pascali
L’orco
voce e chitarra classica Piero Sidoti; percussioni Claudio Giusto; tastiere e percussioni Antonio Marangolo; chitarre (elettrica, semiacustica e basso chitarra) Francesco Bertolini
Lo scemo del villaggio
voce e chitarra Piero Sidoti; programmazione computer Antonio Della Marina; tastiere Antonio Marangolo; fisarmonica Antonio Vella; special guest Giuseppe Barriston


BIOGRAFIA di PIERO SIDOTI
Piero Sidoti, udinese, classe ’68, arriva solo apparentemente tardi al suo primo disco in distribuzione nazionale, “Genteinattesa”. Il suo curriculum, infatti, è ricco di esperienze e anche di riconoscimenti. Si comincia nel 1993 quando arriva finalista a Castrocaro e si prosegue di riconoscimento in riconoscimento fino al 2004 quando raggiunge la sua prima tappa importante vincendo il Premio Recanati e ottenendo anche, in quell’occasione, i sinceri di apprezzamenti di Lucio Dalla che gli mette a disposizione il suo studio per la registrazione di 3 brani del nuovo disco. Sempre nel 2004 ha vinto il “Premio l’artista che non c’era” e il Premio Fabrizio De Andrè come “miglior poesia in musica” e “miglior cantautore”. Nel 2005 è stato premiato come miglior artista non prodotto al Festival “Domenico Modugno” e nel settembre 2008 si è esibito al “Tenco che ascolta”, a Provvidenti, invitato come “uno degli emergenti più interessanti sul territorio nazionale”….
Parallelamente si fa apprezzare nella sua regione, il Friuli Venezia Giulia, sia come cantautore sia come attore, collaborando con Beppe Battiston col quale realizza lo spettacolo “Pagine a due in musica”, presentato anche alla rassegna “Milano Oltre” (2000) e il più recente “Particelle” (2007-2008 con una ripresa nel 2009/10), uno spettacolo amaro, tra recitazione e canzoni, che affronta il tema dei giovani e dell’infrangersi delle loro alte aspirazioni nel mare magnum del precariato e dei lavori saltuari.
Ha girato i teatri italiani con lo spettacolo “Odissea di un suonatore di campanelli” da lui scritto ed interpretato assieme ad Antonio Marangolo con il quale collabora da diversi anni.
“Genteinattesa”, prodotto da Produzioni Fuorivia e distribuito da EGEA è il suo primo cd a diffusione nazionale. Ha gli arrangiamenti di Antonio Marangolo e le prefazioni di Lucio Dalla e Massimo Cotto. Special guest su alcuni brani l’attore e amico Giuseppe Battiston.
“Genteinattesa” -da leggersi tutto d’un fiato- è una galleria di ritratti con personaggi defilati, rimossi, disattesi: la prostituta di “venere nera”, un vecchio ballerino in disarmo, un acrobata, un prigioniero, un musicista, un giovane precario a vita. Quasi un concept album sui disagi e le contraddizioni di una generazione e di un’epoca.

PRODUZIONI FUORIVIA di Paola Farinetti eamp; c.
Tel. +39 0173 366549
info@produzionifuorivia.it
www.produzionifuorivia.it – www.myspace.com/produzionifuorivia