FRANCAVILLA È JAZZ | Il “canto” del mantice di Galliano e l’energia del suo trio

0
402

Un’abbacinante summa di poesia e magia in note disvelata attraverso fascinazioni e suggestioni che hanno lasciato un segno indelebile, fra tango e colorazioni jazzistiche. La X edizione di Francavilla è Jazz, prestigioso festival egregiamente diretto da Alfredo Iaia, evento di punta dell’estate francavillese realizzato grazie al contributo dell’Amministrazione Comunale di Francavilla Fontana e al sostegno degli sponsor privati, si è aperta con il concerto di Richard Galliano New York Tango Trio, formazione stellare diretta dalle sapienti mani di Galliano, uno fra i più grandi fisarmonicisti degli ultimi cinquant’anni, e completata da due eccezionali partner come Adrien Moignard alla chitarra e Diego Imbert al contrabbasso. A causa delle condizioni meteo assai precarie, la prima serata della rassegna si è svolta al Cinema Teatro Italia, venue scelta al posto di Piazza Giovanni XXIII.

Il trio del fisarmonicista italo-francese ha letteralmente mandato in visibilio il caloroso pubblico presente, che ha riservato scroscianti applausi ai tre protagonisti. “Cully 2022”, nuova opera discografica della formazione che comprende brani originali figli della rigogliosa vena compositiva di Galliano e personali tributi al leggendario Astor Piazzolla, il repertorio proposto per questo live. Il fisarmonicista ha incantato gli astanti con il suo alto senso estetico, esprimendosi con un fraseggio intriso di profondo senso melodico dallo spirito narrativo e descrittivo, luminosa cantabilità, toccante lirismo e travolgente energia interpretativa.

ph. R. Passaro

Al suo fianco hanno brillato Adrien Moignard – con il suo regale virtuosismo e la sua levità espressiva – e Diego Imbert – metronomico nel comping e sempre al servizio del trio con la sua spiccata musicalità. Ma come spesso accade, la grandezza di un artista è corroborata da un’umanità più unica che rara. Anche in questo Richard Galliano ha dimostrato di essere un numero uno, poiché per via della capienza massima di 500 posti del “Cinema Teatro Italia”, lui ha deciso di suonare in doppio set per accontentare i numerosissimi jazzofili (e non) che nel primo set non hanno potuto assistere al concerto a causa dell’esaurimento posti. Un gesto, questo, che dà l’idea della commovente generosità e dell’enorme rispetto di un uomo che fa della sensibilità, non solo musicale, una delle sue maggiori peculiarità. La decima edizione di “Francavilla è Jazz” è iniziata all’insegna della passione e dell’entusiasmo, grazie a un trio capace di donarsi con amore a un pubblico estasiato e grato che, dopo aver vissuto questa esperienza, si è interiormente arricchito.

ph. A. Tomaselli

Francavilla è Jazz
5 settembre 2023, Cinema Teatro Italia, Francavilla Fontana

Richard Galliano, fisarmonica
Adrien Moignard, chitarra
Diego Imbert, contrabbasso