DIEGO MORENO: Napoli-Buenos Aires… e ritorno

0
260

Sound Contest: Ciao Diego, dopo il grande successo del tuo Tango Scugnizzo, il nuovo disco Regresare’, sta ricevendo fortissimo gradimento in Italia, ma dovrebbe essere in uscita anche in altri paesi, e poi e’ stato adottato per uno spot pubblicitario di grande importanza…

Diego Moreno: Hola a todos! …si, l’album REGRESARE’ sta andando molto bene, nonostante le difficolta’ del mercato discografico; in Sudamerica, se Dio vorra’, uscira’ durante il 2010 ed e’ di questi giorni la conferma che il brano “Regresare'”, anche per il prossimo anno, sara’ la “SoundTrack” dello Spot TV di COCONUDA, un marchio tra i piu’ importanti di abbigliamento femminile. Sono molto contento perche’ e’ un progetto che mi somiglia parecchio e sul quale, insieme alla mia band, abbiamo posto molto impegno ed amore, sopratutto nella cura del suono e degli arrangiamenti, e credo che il risultato si senta.

S.C.: …intanto, si e’ avviato il tuo tour live invernale 2009/2010. Quali impostazioni stai dando allo spettacolo e quali ritorni stai ricevendo per qual che riguarda il gradimento del pubblico?

D.M.: Durante quel che resta del 2009, ed anche per il 2010, ho deciso di portare avanti uno spettacolo dal vivo che misceli i miei due ultimi progetti discografici, ovvero TangoScugnizzo e REGRESARE’. Per il periodo invernale porteremo in giro una formazione acustica sommando al mio gruppo storico, Corrado Calignano al basso, Davide Ferrante alla batteria e Giorgio Savarese al piano, il colore “Tango”, struggente ed unico, del “bandoneo’n” di Javier Salnisky, musicista argentino che ci accompagnera’ in quest’avventura musicale. Il risultato di gradimento da parte del pubblico, grazie a Dio, e’ ottimo; per i mesi invernali si e’ pensato di organizzare una sorta di Tour-CLUB, per poi riprendere nei teatri e a primavera sbarcare nuovamente negli spazi all’aperto. Vorrei ricordare la preziosa collaborazione del coreografo e maestro di tango argentino Fernando Cabrera che cura, insieme a Paola Cabrera, le performance danzanti dello spettacolo teatrale.

S.C.: In Italia hai contribuito fortemente a dare un grosso impulso al Tango – recentemente dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanita’ – che sta incontrando grande entusiasmo da parte del pubblico. Di recente sei anche tornato nella tua Argentina a portare il tuo Tango Scugnizzo, la canzone napoletana riletta a modo tuo. Com’e’ stato accolto dai tuoi conterranei?

D.M.: Ti ringrazio, sarei felice di aver contribuito! Certamente negli ultimi anni ho dedicato tre progetti al “pensamiento triste que se baila” (il “Tango”, n.d.r.), TangoMoreno, Il Mio Don Carlos Gardel e Tango Scugnizzo e con un pizzico di orgoglio, potrei dire che il mio libro-CD Cada di’a canta mejor Il Mio Don Carlos Gardel e’ l’unica biografia in Italia ed in italiano di questa immensa “icona” del Tango (anche la sua voce e’ Patrimonio dell’Umanita’, n.d.r.) anche se in stile narrativo ed in sole 130 pagine. Quindi sono molto felice se questi miei lavori hanno in qualche modo destato, o desteranno, la curiosita’ per avvicinare il pubblico italiano alla Cultura Musicale Argentina, e al Tango in particolar modo.

Per tornare a TangoScugnizzo, devo dire che la presentazione che ho avuto modo di fare in Argentina e’ stata veramente un “trionfo”… non e’ mia abitudine usare questi termini, ma il pubblico italo-argentino e’ stato incredibilmente accogliente ed attento, ed io lo ringrazio di vero cuore assieme agli organizzatori, il Consolato Italiano ed il COMITES.

S.C.: In “Regresare'” si notano tracce evidenti del periodo trascorso con Fred Bongusto e la sua orchestra, una sorta di sguardo all’indietro verso la canzone melodica “anni ’70”, qualche brano scritto con Sergio Iodice, autore di alcuni grandi successi di Peppino Di Capri

D.M.: …lo prendo come un gran bel complimento, la mia carriera artistica ha un capitolo molto importante ed e’ appunto la collaborazione, oramai decennale, con il Maestro Fred Bongusto, il quale, tra le altre cose, mi ha conferito l’onore di scrivere gli adattamenti in spagnolo di alcuni suoi capolavori, come “Doce Doce” e “Tre settimane da raccontare” (ed il ricordo va al compianto Alberto Testa, un altro caro amico e Maestro). Ad una parte di questo REGRESARE’ ho voluto dare anche un senso d’italianita’, cantando nella lingua del Dante due brani miei e quindi fare il viaggio inverso, partendo dai testi in spagnolo. Per fare questa operazione, chi meglio del grande Sergio Iodice (autore, tra le altre, di “Balliamo” e “Roberta”, n.d.r.) con il quale collaboro oramai da anni, per trovare le “parole” giuste per le mie musiche. Muchas Gracias Sergio!

S.C.: Personaggi come Bongusto e Di Capri hanno impostato la propria carriera su un rapporto di tipo molto confidenziale, addirittura quasi “personale”, col proprio pubblico. Quanto di questo tipo di rapporto ti appartiene nei tuoi rapporti con la gente che ti segue?

D.M.: Trovo molto affascinate il mondo dei “crooner”, dei cantati confidenziali, e con il passare del tempo credo sia una dimensione che mi si addice bene. Da alcuni anni, direi dal 2004, il modo di rapportarmi con il pubblico e’ sempre piu’ stretto e, nel “raccontare”, ho cercato di dare un punto di forza alle mie performance live. Sono anche convinto che, questo modo di interpretare ed interagire con il pubblico, difficilmente “funziona” se non e’ “vero e sincero”. E poi penso che conti molto anche la maturita’, che viene con l’eta”, questo “dono” e’ qualcosa di spontaneo, che o ce l’hai o non ce l’hai, non credo si possa “inventare a tavolino”.

S.C.: Regresare’ e’ appena all’inizio delle proprie fortune, ma siamo sicuri che tu stia gia’ progettando qualcos’altro per il futuro… ce ne daresti qualche anticipazione?

D.M.: Si e’ vero… REGRESARE‘ e’ il progetto che, discograficamente e promozionalmente parlando, portero’ per buona parte del 2010, ma la “tentazione” di tornare nuovamente al TangoScugnizzo e’ forte, anche vedendo il gradimento da parte del pubblico, e sta prendendo forma, anche se ancora embrionale, un possibile nuovo album sul tema napoletano, sempre condito di qualche mia composizione. Ma non dico altro… (ride con aria enigmatica, n.d.r.).

S.C.: Grazie Diego, buon lavoro a te, a tutta la tua band ed i tuoi collaboratori.

D.M.: Grazie a voi tutti per l’attenzione e grazie a Sound Contest per la possibilita’ di promuovere e far conoscere la nostra musica. Hasta Siempre!

Links:

Il video di Maruzzella al Teatro Colon di Buenos Aires

La recensione di REGRESARE’ su Sound Contest
Le immagini di Diego Moreno su Sound Contest

www.tangoscugnizzo.com