BandOrkestra.55 diretta da Marco Castelli esce con BANDANDO

0
371

    È uscito per l’etichetta Compagnia Nuove Indye (CNI), il nuovo CD di BandOrkestra.55, intitolato Bandando, prodotto da Casa della Musica di Trieste.Pubblicato da appena due mesi lo si può ascoltare da “Ballarò” di Rai Tre, a “Catterpillar” di Rai 2, “Ho perso il trend” e “Fahrenheit”di Rai Radio Tre, da “Notturno Italiano” di Rai Radio Uno a Rai Radio Due e poi in moltissime radio in tutta Italia da Radio Press di Cagliari a Radio Wave di Firenze, da Radio Azzurra a Palermo a Radio Città Aperta di Roma, da Radio Capodistria Radio a Onda D’Urto di Brescia a Radio Milano Popolare e tantissime altre.
    Il brano ‘Febo’ è la sigla della trasmissione  ‘Jalla Jalla’ tutti i giorni su Radio Popolare.

     Le sonorità di Bandando, che continua il percorso intrapreso con il CD Bandalarga del 2006, non sono legate ad un territorio musicale circoscritto; le citazioni, i differenti linguaggi si alternano e si intrecciano; i suoni e le soluzioni musicali, sempre imprevedibili ed originali e conferiscono a Bandando un ulteriore viaggio all’interno del libero mondo musicale che Marco Castelli ha creato con il progetto BandOrkestra. Afro, ska, boogie, latin, reggae, funk,  BandOrkestra.55 non è una big band e nemmeno unorchestra popolare: è un gruppo di 16 elementi e un conduttore che suona spaziando tra stili e suggestioni musicali diversi; un organico numeroso ma gestito come uno strumento flessibile e malleabile, a cui piace definirsi ”Banda Moderna”.


    Nel nuovo CD, 9 traccie da ascoltare:               

    AFRICAN MARKETPLACE – sonorità da “brass band” africana, percussioni, inserti balcanici, voocoder, una miscela esplosiva tipica di BandOrkestra
    VECCHIO AMERICANO – Tu vuo’ fa’ l’americano di Carosone in versione salsa, vestita con il Vecchio Frac di Domenico Modugno, ospite l’imprevedibilità del pianoforte di Angelo Comisso e#133; con finale a sorpresa
    FEBO – energia solare e groove e#133; ospite la meravigliosa voce di Germana Giannini, in equilibrio tra sonorità mediorientali e pop; una recentissima composizione di Marco Castelli per BandOrkestra
    BAIRES – un’altra composizione originale di Marco Castelli, dedicata a Luis Borges; un tango moderno con un tema melanconico ed elegante. Ospite l’inconfondibile suono della chitarra classica di Ermanno Signorelli
    MISIRLOU (PULP FICTION) – surf e dintorni e#133; direttamente dal celebre film di Quentin Tarantino, con l’inserimento di atmosfere dub e lo struggente violino di Alessandro Simonetto
    JIVE SAMBA – è un latin-bluesy, un boogaloo di Nat Adderly; vitalità e divertimento, con un arrangiamento pieno di sorprese
    BANDANDO – uno ska, una sorta di colonna sonora da film poliziesco, una composizione brillante, “sfacciata” e divertente con ospite la tromba di David Boato, il megafono di Piero Pieri e il tocco discreto ed elegante di Sergio Cossu
    AUSENCIA – bellissima canzone di Goran Bregovic, in bilico tra i Balcani e l’America latina, resa celebre dal film Underground con un prezioso solo di Marco Castelli al sax soprano
    MR. LOUIS PRIMA – l’altro mix targato BandOrkestra, con Bingo Bango Bongo, Caldonia e Jump Jive; un tributo al mitico Louis Prima, il tutto in uno scatenato boogie che vede ospite Fabio Calabrò in un divertente sketch d’apertura.