ASHLEIGH VILK “Big Wild World” è l’esordio della giovane artista che crede nel potere curativo della musica

0
77

Un brano che cerca di catturare l’avventura nel mondo per instaurare la relazione profonda con sé stessi

In radio dal 10 giugno

Il mondo è grande e, per lo più, selvaggio e trovare il nostro posto può essere complicato. Infatti, quando ci dirigiamo con entusiasmo verso qualcosa che ci attira  capita di  essere inghiottiti dalle sfide e dalla natura imprevedibile delle cose. 

Partendo da questa idea nasce Big Wild World un brano che parla di una ricerca e della successiva accettazione, in un rimando continuo sull’idea di casa che, per alcuni  può essere la famiglia, per altri un amico e per altri ancora, un luogo. 

«In fondo credo che questa canzone esprima l’idea stessa del viaggio. Spesso andiamo alla ricerca di qualcosa che abbiamo già, fingendo di mantenere un controllo solo apparente, mentre basterebbe ammettere che non sappiamo dove stiamo andando e cosa possa succedere nel frattempo per godersi la vita». Ashleigh Vilk

Questa canzone è uno dei cinque singoli che compongono il primo EP della cantautrice, incentrate sulla celebrazione della creatività. Le canzoni sono scritte insieme a collaboratori da tutto il mondo e lo svedese Lars (@laszloomusic) ha composto la musica per il brano Big Wild World.  

Autoproduzione

Radio date: 10 giugno 2022

 

CONTATTI E SOCIAL 

https://linktr.ee/ashleighvilkmusic

 

BIO

Ashleigh è un’artista con un timbro e una voce che possono guarire l’anima. Ashleigh non è solo una cantante, ma una terapista olistica/energetica e questa natura curativa è presente anche nella sua musica. Ashleigh ha sempre cantato, sia per se stessa sia militando in diverse band,  ma non essendo mai riuscita ad esibirsi, era come se l’universo volesse che scrivesse da sola. Da allora il processo di scrittura e canto è diventato un processo creativo curativo, per sé stessa come artista e con questa traccia e il suo EP (di prossima uscita) condivide quella musica curativa con il mondo.

 

fonte: www.laltoparlante.it