GIOVANNI BLOCK | Un posto ideale

0
265

Giovanni Block
Un posto ideale
Incipit Records/Egea
2012

Si intitola Un posto ideale il nuovo cd di Giovanni Block. L’album, distribuito da Egea e prodotto da Ettore Caretta, vede alla produzione artistica Josh Sanfelici, membro dei Mau Mau e bassista di Roy Paci. Il cantautore napoletano dopo L’uomo di citta’, primo mini album del 2006, torna dunque con 13 tracce nelle quali si avvale della collaborazione di Sergio Cammariere e del trombettista Fabrizio Bosso.



 


Giovanni Block e’ un musicista napoletano nato nel 1984. Le sue composizioni sono sagge ed ironiche e sono fortemente influenzate da quelle dei cantautori degli anni ’70. Dopo aver studiato al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli presso il quale e’ stato flautista per vari anni, Giovanni Block ha ottenuto numerosi riconoscimenti: giunto in finale al Premio Fabrizio De Andre’ 2005, si e’ poi aggiudicato il Primo Premio Siae al Tenco 2007, il Premio Musicultura 2009 ed il Premio Buscaglione 2010. L’artista inoltre vanta collaborazioni di tutto rispetto come quella del 2008 nell’album di Alberto Patrucco come quella che l’ha visto coinvolto fino all’anno successivo nel progetto di musicare le opere di Cosimo Damiano Damato per Arnoldo Foa’ e Isabella Santacroce. Block segue una formula teatro-canzone nel senso piu’ nobile dell’espressione; le atmosfere pop dei suoi brani non scadono mai in qualcosa di banale e gli arrangiamenti essenziali riescono al contempo ad esaltare la sua sincerita’ compositiva.



 


La sfrontatezza delicata de Lo sguardo apre egregiamente Un posto ideale, mentre La neve che accadra’ e’ una ballata genuina che poi cede il posto alla godibilissima La moda del ritorno. L’atmosfera e’ ancora festosa ne La mentalita’ e diviene nuovamente intima con la dolcezza di Verra’ un giorno. Violette e gerani ribadisce il concetto dei pezzi piu’ concitati soprattutto nella resa e negli arrangiamenti di Giovanni Block, ma e’ soprattutto in Mio piccolo cuore che l’artista napoletano in poco meno di due minuti riesce a condensare ottimamente passione, poesia e musicalita’.