Sonny Rollins sextet: parte da Milano il tuoi italiano – Milano, 2 novembre 2009

0
383

Lunedì 2 novembre 2009 ore 21.00
Teatro Dal Verme


SONNY ROLLINS SEXTET


sassofono tenore
Sonny Rollins


trombone
Clifton Anderson


chitarra
Bobby Broom


basso
Bob Cranshaw


batteria
Kobie Watkins


percussioni
Sammy Figueroa



 Lunedì 2 novembre, alle ore 21.00, eccezionalmente al Teatro Dal Verme di Milano (via San Giovanni sul Muro, 2), si inaugura con un grande evento la 25.ma edizione di “Aperitivo in Concerto”, la rassegna musicale promossa da Mediaset e Publitalia ’80, con la partecipazione di Martini Soda e 3 Italia, che si tiene abitualmente al Teatro Manzoni.
 In tale occasione, si ripresenta a Milano, dopo un’assenza di  oltre diciassette anni, una fra le ultime leggende viventi del jazz, il sassofonista Sonny Rollins, non a caso conosciuto come Saxophone Colossus, artista fra i più grandi del Novecento, innovatore e interprete impareggiabile di uno fra i più significativi linguaggi musicali della nostra contemporaneità.
 Rollins si ripresenta al pubblico milanese a capo di un sestetto di altissimo livello, con  musicisti che collaborano con lui da lungo tempo e che hanno perciò creato un gruppo di straordinaria coesione e di grande affiatamento: il trombonista Clifton Anderson (strumentista che vanta collaborazioni con musicisti del calibro di Frank Foster, McCoy Tyner, Clifford Jordan, Slide Hampton, Stevie Wonder, Dizzy Gillespie, Lester Bowie, Paul Simon, Muhal Richard Abrams, Dionne Warwick); il chitarrista Bobby Broom (già collaboratore di artisti di rilievo come Miles Davis, Max Roach, Al Haig, Kenny Garrett, Art Blakey, Jackie McLean); il bassista Bob Cranshaw (fra i più grandi contrabbassisti viventi, collaboratore di Rollins dal 1959, un protagonista della storia del jazz fin dagli anni Sessanta che ha lavorato e inciso con tutti i più affermati jazzisti degli ultimi quarant’anni: Ella Fitzgerald, Coleman Hawkins, Jimmy Heath, Johnny Hodges, Jackie McLean, Thelonious Monk, James Moody, Lee Morgan, Wes Montgomery, Oscar Peterson, Buddy Rich, George Shearing, Horace Silver, McCoy Tyner, Joe Williams, Dexter Gordon, J. J. Johnson, Wayne Shorter, Bobby Hutcherson); il batterista Kobie Watkins (giovane emergente ma già affermato sulla scena musicale statunitense, dove si è fatto notare per le sue collaborazioni con i migliori musicisti della nativa Chicago e con artisti quali Kurt Elling, Wynton Marsalis, Bobby Broom, Curtis Fuller, Arturo Sandoval, George Coleman, Ira Sullivan, Sonny Fortune); il percussionista Sammy Figueroa (un vero virtuoso, fra i più ricercati percussionisti nelle sale d’incisione newyorkesi, ha collaborato con Miles Davis, i fratelli Brecker,  Michel Camilo , Chaka Khan, David Bowie, Mariah Carey).



SONNY ROLLINS


Affermava Miles Davis, a proposito di Rollins: Sonny era una leggenda, quasi un Dio per i musicisti più giovani. Molti pensavano che suonasse al livello di Bird. Quello che posso dire io è che ci andava molto vicino. Era un musicista aggressivo e innovativo con sempre nuove idee. Mi piaceva tantissimo come strumentista ed era anche un grande compositore. (Ma penso che più tardi Coltrane lo abbia influenzato e gli abbia fatto cambiare stile. Se avesse continuato quello che stava facendo quando lo conobbi, forse sarebbe oggi un musicista anche più grande di quello che è – ed è un grande musicista
Rollins ha i primi contatti con la musica a 11 anni, quando prende lezioni di pianoforte e di sassofono; dopo una breve esperienza con il sassofono contralto, passa permanentemente al sax tenore nel 1946, all’età di 16 anni. Entra negli Harlem Rollin’ dove suonano anche Jackie McLean, Arthur Taylor e Kenny Drew, con i quali costituirà una band alle scuole superiori. I suoi genitori provenivano dalle Isole Vergini ed egli amava molto la musica da ballo dei Caraibi: si avvicinò al sassofono nell’era della musica “jump” antecedente al rock and roll e, anche se la sua musica rivela quel passato, Rollins va molto al di là: una sua singola improvvisazione (ed alcune sono molto estese) può sembrare come un veloce cammino a ritroso attraverso la musica popolare dell’Ovest, costruita in modo così eccentrico da risultare quasi astratta.
Le sorelle ed i fratelli di Rollins erano tutti studenti di musica accademica, ma uno zio sassofonista, appassionato di blues, conquistò con la sua musica il giovane che assorbì gli stili degli idoli del sassofono degli anni ’40: da Coleman Hawkins prese la sonorità intensa e l’abilità di muoversi tra gli accordi, da Lester Young la capacità di raccontare storie nel modo più originale, da Charlie Parker tutte le caratteristiche di Hawkins e Young messe insieme sintetizzate in un nuovo, rivoluzionario, linguaggio. Da questo crogiolo ribollente Rollins emerse con un bagaglio unico di sicurezza, velocità, swing e spontaneità inventiva. Anche il pianista Thelonious Monk influenzò molto Rollins, rendendo i suoi assoli più frammentari e melodicamente più imprevedibili, con un’inclinazione a spezzettare il materiale tradizionale e spesso a rovesciarlo.
Alla fine degli anni ’40 aveva raggiunto un livello di bravura tale da poter cominciare a suonare con i musicisti suoi idoli, e con i suoi coetanei che stavano facendo la storia del jazz, tra cui Miles Davis, con cui si sarebbe ritrovato più volte nel corso degli anni. L’ascolto di Oleo, Doxy e Airegin sull’LP Bags’ groove (1954) e dell’album di Thelonius Monk Brilliant corners (1956) dimostra la statura raggiunta da Rollins come strumentista e come compositore: gli standard da lui composti in questi anni restano tra i più famosi e frequentati. Nel 1955 sostituì Harold Land nel quintetto di Clifford Brown e Max Roach. Negli anni successivi realizzò molte incisioni che lo proiettarono nel firmamento del jazz con la considerazione di miglior sassofonista dai tempi di Charlie Parker. Nella seconda metà degli anni ’50 registrò, molto spesso insieme a Roach, alcuni dei suoi lavori più importanti: il fondamentale Saxophone Colossus, Tenor Madness (in cui lo si può ascoltare in una spettacolare chase – o gara – con John Coltrane appena approdato al quintetto di Miles Davis), The Freedom Suite.
La celebrità che accompagnò Rollins in questo periodo non spense mai il suo innato desiderio di apprendere ed evolversi, un impulso che egli stesso attribuisce alla volontà di competere con i suoi fratelli maggiori. Proprio quando l’avanguardia avanzava si prese due anni di riposo, dal 1959 al 1961, per approfondire i complessi problemi riguardo il rapporto tra improvvisazione e struttura. In quei due anni, egli riprese a studiare lo strumento come se dovesse ricominciare, e per evitare le proteste dei vicini prese ad andare a studiare su un ponte sull’East River, dove talvolta lo raggiungeva Steve Lacy anch’egli alle prese con periodo di riflessione sulla propria musica: Stavo diventando molto famoso a quei tempi, e sentivo di dover migliorare molti aspetti della mia arte. Mi pareva di star ricevendo troppo presto e troppo in fretta, e mi dissi, aspetta un momento, voglio farlo a modo mio. Non volevo lasciare che mi spingessero troppo allo scoperto per poi lasciarmi cadere; volevo prepararmi adeguatamente, e farlo da solo. In quel periodo andavo a studiare sul ponte, il Williamsburg Bridge che era vicino a casa mia perchè in quegli anni vivevo nel Lower East Side.
Negli anni ’50 Rollins aveva conosciuto il grande “architetto” del free jazz, Ornette Coleman, e al suo ritorno sotto i riflettori cominciò a lavorare con due importanti sideman di quest’ultimo: il trombettista Don Cherry ed il batterista Billy Higgins. Il risultato musicale fu più libero e avventuroso, ancora segnato, però, dall’energia instancabile con la quale Rollins riusciva ad incatenare, l’una all’altra, nuove idee nel corso di ogni furioso assolo. Rollins incise sei album negli anni successivi al 1961: The Bridge è uno dei più conosciuti ed è così intitolato a ricordo delle sue sedute di studio sul Williamsburg Bridge.
Si ritirò nuovamente tra il 1969 ed il 1971 per tornare nel 1972 alla guida di giovani band che, però, eseguivano un jazz più legato ai linguaggi della contemporaneità giovanile.
In tempi più recenti Sonny Rollins ha sempre più spesso lasciato emergere gli entusiasmi musicali dei suoi anni giovanili, e molte delle sue registrazioni dello scorso decennio comprendono un funk molto più rilassato e contagioso e ballad romantiche. Ma egli resta un improvvisatore senza pari. In qualsiasi momento, nelle performance dal vivo, Rollins è sempre in grado di lasciare che la sua creatività, ancora vivace e ostinata, attinga alla sua inesauribile riserva di melodia per elaborarla in maniera ammaliante ed imprevedibile. Al Ronnie Scott’s Club di Londra si ricorda ancora un finale di un suo concerto: mentre si accomiatava dal pubblico, di colpo affiorò nella sua memoria una serie di canzoni in stile Tin Pan Alley intitolate Goodnight: proseguì senza accompagnamento per oltre un’ora, quasi senza prendere fiato.
Dopo la perdita, due anni fa, della moglie Lucille che gli aveva fatto da agente per più di trent’anni, Rollins ha fondato una propria casa editrice, la Doxy Records, che, nel Gennaio 2007, ha pubblicato il suo primo album di studio da più di cinque anni, Sonny, Please, seguito recentemente da Road Shows, vol. 1.
La spinta continua ad elaborare nuova musica traendo ispirazione dalla tradizione fa parte dello spirito jazz, di cui Sonny Rollins è un portavoce folgorante. Tornato ai concerti dal vivo ed all’improvvisazione, ha dimostrato ampiamente negli ultimi anni, anche se ormai quasi ottantenne, di essere ancora il numero uno nello strumento principe del jazz.



per ulteriori informazioni:
Viviana Allocchio
Iniziative Speciali
Teatro Manzoni
Via Marina, 1
20121 MILANO
tel.: 02781253 – 02781254
fax: 0276281604
e-mail:
viviana.allocchio@fininvest.it


Nicoletta Tassan Solet
Studiomusica PRESS|PR
Via Farini 53
41121 Modena
Tel. 059 24 54 86 – 348 64 18 066
Fax 059 235875
e-email:
nicoletta.tassan@studiomusica.net
skype: nicoletta.tassan



INGRESSI:
biglietto intero €12/15 + prevendita
ridotto giovani €8/11 + prevendita


Biglietti concerto fuori abbonamento
2 novembre
Sonny Rollins – Teatro Dal Verme
€20/30 + prevendita
Circuito Ticketone + Call Center 892.101
Abbonamento n. 9 concerti €110,00
In vendita alla cassa del Teatro
Dal 18 giugno al 25 ottobre 2009
Tel. 02.7636901


Prevendita
Dal 27 ottobre 2009 alla cassa del Teatro
Tel. 02.7636901
Numero verde 800-914350
Circuito Ticketone + Call Center 892.101


Posti fissi e numerati


Info:
Teatro Manzoni
via Manzoni, 42
Tel. 02.7636901
info@teatromanzoni.it
www.aperitivoinconcerto.com
www.teatromanzoni.it/aperitivo


Come raggiungere il Teatro:
MM Montenapoleone – MM1 San Babila – MM1 Palestro
Bus 61 – 94 – Tram 1, 2