Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli – Vespri d’organo – Napoli, 16 maggio 2009

0
248

Sabato 16 maggio, alle ore 19,15, nella Chiesa dell’Immacolata al Vomero, decimo appuntamento con la III edizione della rassegna “Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli – Vespri d’organo”, organizzata dall’Associazione Trabaci, il cui direttore artistico è Mauro Castaldo.


Il concerto, inserito anche nell’ambito delle iniziative legate al 25  anniversario della costruzione dell’organo Mascioni, vedrà come protagonisti il maestro Livio De Luca, accompagnato in due brani dall’organista Filomena Scala, e Rosa Montano, nel duplice ruolo di mezzosoprano e direttore del Coro “Agape Fraterna”.


Il programma, di estremo interesse, si aprirà con la celeberrima Marcia n. 1 in re maggiore, op. 39, da Pomp and Circumstance, di Edward Elgar (1857-1934), seguita da alcuni brani tratti dalla Messa dei Poveri per organo e coro di Erik Satie (1866-1925). Sarà poi la volta di “Bist du bei mir”, Fuga in forma di giga in sol maggiore BWV 577, pezzo originalissimo di Johann Sebastian Bach (1685-1750), nella versione per mezzosoprano e organo, mentre al repertorio mozartiano appartiene la successiva Sonata da chiesa in do maggiore K 336 di Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791), ultima di un gruppo di 17, composte dal genio di Salisburgo quando era al servizio del Principe Colloredo, nella trascrizione per organo a quattro mani di Livio De Luca. Quest’ultimo è anche autore della Piccola Fantasia per organo a quattro mani, che precederà le Variazioni su un tema di Paganini per pedale solo del britannico George Thalben-Ball (1896-1987), basate sul Capriccio n. 24 del compositore genovese. Ultimi brani previsti, “Zur Trauung” S 60 per mezzosoprano, organo e coro e Ave Maria per mezzosoprano e organo, due contributi di Franz Liszt (1811-1886) al repertorio di argomento mariano, e la Toccata, dalla Sinfonia n. 5, op. 42 di Charles-Marie Widor (1844-1937), fra gli esempi più famosi della gloriosa scuola organistica francese, che chiuderà un concerto ampio e ricco di rarità assolute.


L’ingresso è libero



Prossimo appuntamento, sabato 23 maggio, alle 19,15, nella Chiesa rinascimentale di Santa Caterina a Formiello, con Mauro Castaldo all’organo “Giuseppe di Martino del 1718” ed il Coro Polifonico “Beata Virgo Maria” diretto da Elena Scala.


 


Per ulteriori informazioni:
Associazione Organistica G.M. Trabaci
Via Duca di San Donato 28 – 80133 Napoli
Tel.: 081.5634518
Cell.: 339.5389103
e.mail:
associazionetrabaci@alice.it
sito web: www.associazionetrabaci.it