Riccardo Veno e Valentina Crimaldi ‘SOLO A MAGGIO’ – Napoli, 12-13 maggio 2012

0
282
SOLO A MAGGIO
Concerti per formazione solo nei weekend del maggio dei monumenti

 
Sabato 12 maggio: Riccardo Veno

Domenica 13 maggio: Valentina Crimaldi


Dopo il successo dell’anteprima della rassegna “Solo a maggio – concerti in formazione solo”, con il concerto di Maria Pia De Vito che ha riempito tutta la navata centrale della basilica di San Giovanni Maggiore a Pignatelli, la kermesse, organizzata dall’associazione culturale Jesce Sole in occasione della diciottesima edizione di “Maggio dei monumenti”, entra nel vivo con un doppio appuntamento.

Sabato 12 maggio alle ore 21, sempre nella basilica San Giovanni Maggiore a Pignatelli (Rampe San Giovanni Maggiore a Pignatelli, su via Mezzocannone ) si esibira’ Riccardo Veno eamp; l’orchestra invisibile  nel “Concerto Solo per sassofoni, fiati, voce e loops”(ingresso gratuito, per info e prenotazioni 081/5520906).  La musica del sassofonista e polistrumentista partenopeo oltrepassa e trasgredisce costantemente il concetto di genere musicale. I suoni e le composizioni di Riccardo Veno tracciano confini inusitati, sorprendono ed emozionano in una incessante combinazione di musica acustica ed elettronica. Il concerto – solo e’ un sorprendente viaggio musicale attraverso i timbri ed i colori dei proprio strumenti: la famiglia dei sassofoni, flauti indiani, flautini irlandesi e mediorientali e altri strumenti presenti in varie forme nella tradizione popolare di varie parti del mondo come la ciaramella e il marranzano. Grazie alle sue eccezionali doti di polistrumentista e ad un sapiente uso dell’elettronica, Riccardo Veno costruisce in tempo reale e nella piu’ totale solitudine scenica le varie sezioni della sua originale ed invisibile orchestra , dando vita ad un vero e proprio percorso emozionale costantemente in bilico tra jazz e musica minimale, tra world-music e sonorita’ trip-hop. Un itinerario musicale di estrema intensita’ dove ai brani composti (il repertorio del concerto e’ originale), si alternano trascinanti momenti di creazione istantanea.

Domenica, 13 maggio alle ore 18 sull’altare maggiore della basilica San Giovanni Maggiore a Pignatelli si esibira’ la flautista Valentina Crimaldi. Il concerto e’ un viaggio tra le musiche  di “Donnaregina” il disco solistico di Valentina Crimaldi i cui brani rappresentano il percorso musicale e personale intrapreso dalla musicista  durante la sua attivita’ professionale e che l’ha vista vicina ad amici ed artisti che le hanno lasciato un’impronta indelebile, uno fra tutti Rino Zurzolo, che e’ stato il “motore”, il suo “basso continuo” per questo progetto discografico.

Ad aprire i due appuntamenti musicali l’attore Gennaro Silvestro declamera’ brani, poesie e citazioni tratti dai piu’ importanti testi di autori che hanno descritto Napoli, i suoi monumenti e i suoi colori.

Doppio appuntamento musicale dunque  per questo secondo weekend del maggio dei monumenti nella suggestiva location della ritrovata basilica di San Giovanni Maggiore a Pignatelli, riaperta dopo 42 anni: sabato 12 maggio alle ore 21, Riccardo Veno eamp; l’Orchestra Invisibile in “Concerto Solo per sassofoni, fiati, voce e loops”. Domenica 13 maggio alle ore 18 Valentina Crimaldi proporra’ brani del suo ultimo progetto  discografico “Donnaregina”.

Basilica di San Giovanni Maggiore a Pignatelli (Rampe San Giovanni Maggiore, su via Mezzocannone)

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

Per info e prenotazioni 081/5520906     jesce-sole@alice.it

RICCARDO VENO

Artista dalla poliedrica formazione, nei primi anni
ottanta, parallelamente agli studi di danza contemporanea e recitazione, si
avvicina allo studio del clarinetto e del sassofono. Dopo varie esperienze con
compagnie di danza napoletane (Movimento-Danza di Gabriella Stazio e Comp.86 di
Marianna Troise) per le quali oltre all’attivita’ di attore-danzatore compone le
musiche per varie performances, e la partecipazione a vari laboratori di teatro
e danza di, tra gli altri, Antonio Neiwiller e Raffaella Giordano, nel 1988 si
trasferisce a New York.

Durante i due anni trascorsi nella metropoli americana
studia sassofono con David Gross, frequenta la Alwin Nikolais dance-school ed
ha la fortuna di incontrare e collaborare con musicisti jazz dell’area della
Knitting Factory, il tempio della musica di ricerca newyorchese, e di far parte
della band di Steve Thorton, gia’ percussionista di Miles Davis, suonando in
vari clubs cittadini.

Tornato in Italia prosegue i propri studi musicali con
Jerry Bergonzi, Enzo Nini e Maurizio Giammarco e dopo le collaborazioni con i
666, Maurizio Capone e la partecipazione al primo disco dei 99Posse (Curre
curre guaglio’), da’ vita ai UazzMatazz, uno dei primi progetti di acid-jazz in
Italia. Parallelamente prosegue il suo percorso teatrale firmando con Antonello
Cossia la regia di due spettacoli dei quali compone anche le musiche: Il
passaggio delle ore, opera dedicata a Fernando Pessoa, e Fratelli, dall’omonimo
romanzo di Carmelo Samona’. In questi anni realizza le musiche per spettacoli di
teatro e danza quali Hauberisser di Salvatore Cantalupo, Busco Piso coreografia
di Elena Papulino, Nella solitudine dei campi di cotone di J.M.Koltes per la
regia di Davide Iodice e per il film Taxi Live di Carla Vittoria Rossi.

Nel 1994 partecipa a Lisbona alla biennale dei giovani
artisti del mediterraneo con lo spettacolo OdiosamataD di Marianna Troise, nel
quale oltre a comporre le musiche e’ anche attore.

Nel 1996 crea con Raiz, all’epoca voce degli
Almamegretta, il concerto-spettacolo De Pithecantropo Erecto, jazz-reading
imperniato sull’eterno conflitto fra le razze, che viene presentato al Teatro
Nuovo di Napoli nell’ambito della rassegna Il Teatro che si sente, da lui
stesso curata, alla quale partecipano tra gli altri Daniele Sepe, Alfio Antico
e Mariapia De Vito. Nello stesso anno entra a far parte dell’ensemble di
Daniele Sepe con il quale collaborera’ nei due anni successivi partecipando
inoltre ai dischi Vite Perdite, Spiritus Mundi e Lavorare Stanca.

Tra il 1998 e il 1999 partecipa con il gruppo Uazz, da
lui fondato e diretto, alle trasmissioni televisive di Red Ronnie Help e Roxy
Bar, presentando una sua canzone: Sienteme, uno dei primi esperimenti di
trip-hop italiano. Il brano, interpretato da Ilaria Graziano, viene pubblicato
sulla compilation 1999-Onda d’urto, prodotta da Novenove/Bmg, insieme a brani
di Frankie Hi-Nrg, Casino Royale, Subsonica, 99Posse, Almamegretta, etc.
Sienteme verra’ inoltre pubblicato, sulla compilation Bertallosophie vol. I
curata da Alessio Bertallot  che gli  commissiona per il successivo vol. II,
pubblicato nel 2003, un riarrangiamento in chiave elettronica, realizzato con
il dj Stefano Miele, de L”ultima occasione un brano di Mina del 1965.

Nel 1999 partecipa al Festival di Sanremo accompagnando
dal vivo Enzo Gragnaniello ed Ornella Vanoni che quell’anno presentarono
Alberi, un brano prodotto dalla Sugar di Caterina Caselli. Da quell’esperienza
inizia una collaborazione con Enzo Gragnagniello che, tra tournee’ e la
partecipazione ai dischi Oltre gli alberi, Neapolis Mantra, Balia, Quanto mi
costa, e’ attiva a tutt’oggi.

In quegli stessi anni crea con gli attori-registi
Antonello Cossia e Raffaele Di Florio, la firma artistica CossiaDiflorioVeno.
Insieme firmeranno progetto e regia degli spettacoli: Segni e Qui davanti ad
una notte sul mare, che debuttano rispettivamente nel 1996 e nel 1997 al
Festival del Mediterraneo di Procida; La Discesa, lavoro ispirato al XXVI canto
dell’Inferno della Divina Commedia di Dante, che debutta nel luglio del 1998 al
Festival di Volterra; Lo s-guardo escluso opera dedicata a Giacomo Leopardi,
commissonata dal Festival delle Ville Vesuviane del 1999. Di questi spettacoli
oltre alla co-regia, compone le musiche ed e’ anche attore.

Nel frattempo continua incessante la sua attivita’ di
musicista, esibendosi con vari progetti (Uazz, Uazz trio, Veno solo-project) in
clubs  e in rassegne in giro per la
penisola, e partecipando ai cd di Lino Cannavacciuolo (Aquadia), Pina Cipriani
(Pina Cipriana canta Eduardo), Capone (Capone, La Foresta), Miele (Flux), e
realizzando inoltre le musiche per lo spettacolo La notte e’ madre del giorno di
Lars Noren con la regia di Arturo Cirillo che debutta al C.R.T di Milano nel
2001, e il concerto-spettacolo Racconti, creato insieme al multistrumentista
Gino Evangelista, che debutta al Teatro nuovo di Napoli nel febbraio dello
stesso anno.

Nel 2002 suona tutti i fiati e cura la produzione
artistica del cd degli ‘E Zezi, Diavule a quatto, partecipando al tour di
quell’anno e dei due anni successivi dello storico gruppo-operaio. Nello stesso
anno un suo brano Passaggio viene scelto per la colonna sonora del film Non e’
giusto, di Antonietta De Lillo.

Tra il 2002 e il 2005, con CossiaDiFlorioVeno, firma regia
e musiche degli spettacoli: Penultimi da Samuel Beckett, Corpo Sporco,
ORO-primo movimento:il viaggio dedicato a Pier Paolo Pasolini e Ge’za  da Janos Hay, questi ultimi due commissionati
dal Teatro Mercadante teatro-stabile di Napoli.

Nell’aprile del 
2004 presenta al Teatro Nuovo di Napoli il concerto-spettacolo Il
Silenzio di Orfeo-Concerto per fiati, loops e piccole visioni video realizzato
con la collaborazione del videomaker-musicista Francesco Albano. Compone tra il
2002 ed il 2004 le musiche per i film La Guerra di Antonietta di Alessandro
Abbate e Bruno Oliviero, e Il Ponte di Lucio Fiorentino. Nel 2005 suona
sassofoni e flauti nel cd di Nino D’Angelo Il Ragu’ con la guerra, e compone le
musiche per il film Sotto la stessa Luna di Carlo Luglio. Nel maggio del 2006
pubblica per la MaroccoMusic il cd Il Silenzio di Orfeo , e’ invitato a musicare
la conferenza-spettacolo di Jannis Kounellis al festival di Todi ed il suo
brano 3000 piccoli sentimenti, ancora interpretato da Ilaria Graziano, viene pubblicato
sulla compilation Altri suoni italiani curata da Alessio Bertallot.

VALENTINA CRIMALDI

Valentina Crimaldi e’ nata a Napoli da una
famiglia di artisti (il nonno Ugo Matania e’ stato uno dei massimi pittori ed
illustratori italiani). Si e’ diplomata presso il conservatorio di musica S.
Pietro a Majella di Napoli . Attualmente e’ docente di flauto presso la scuola
media ad indirizzo musicale  D’Ovidio/
Nicolardi di Napoli.

Negli anni ’80   suona in diverse formazioni sia classiche che
jazz e popolari. Con Eugenio Bennato 
Peppe  e Concetta Barra lavora sin
dai primi anni ’80 partecipando a concerti del gruppo “MUSICANOVA“,  a spettacoli
quali  Peppe e Barra  in prima
assoluta ,nell’ambito del carnevale di Venezia 1982

Collabora con il gruppo ” RINO ZURZOLO JAZZ DA CAMERA ” con il
quale svolge una intensa attivita’ concertistica.

 Contemporaneamente partecipa  come flauto solista alle trasmissioni
radiofoniche  RAI  musica
erotica musica eretica
” (1983-RADIODUE), “Audiobox” (1988-RADIOUNO) e 
televisive RAI “Mixer” con
Peppe  Barra ed Eugenio Bennato (1982-
RAIDUE, “Prisma” con Pino Daniele
(1985- RAIUNO);” festa per Napoli  presentazione della “cantata per Masaniello” di Roberto De Simone ( 1989-RAIUNO) “lo cunto de li cunti” di R. De Simone
dall’ Auditorium RAI (1989-RAIUNO)  

 Nel
1983 e nel 1987  suona con l’orchestra ALESSANDRO SCARLATTI di Napoli
(AUDITORIUM RAI)

Nel 1986 (TEATRO  SAN CARLO Napoli) suona l’0ttavino nelle
opere ” Bohe’me  e “Carmen“(con
la regia di Lina Wertmuller) trasmessa in diretta su RAIUNO il 10 dic.’86.

Nel 1987 partecipa come flauto e ottavino
solista  alla prima assoluta  dell’opera di Arturo Annecchino “una notte di gioia ” (teatro Poliziano
– Montepulciano ) nell’ambito del 12  cantiere internazionale d’arte.

Nel1988/89 Napoli(TEATRO MERCADANTE) suona
nel “Pulcinella ” di Igor Stravinskij
:regia di Roberto De Simone  con la
direzione del M  Massimo De Bernart nell’ambito delle “settimane internazionali di
musica d’insieme
“.Napoli (TEATRO MERCADANTE )  suona come primo flauto nella “cantata per Masaniello ” di Roberto De
Simone per Soli- orchestra e Inti
Illimani
..

Nel 1989 suona con il complesso vocale
strumentale “long island Singers
diretto da C. Roesch.

Negli anni ’90  partecipa a numerosi concerti tenuti da Rino
Zurzolo ,Roberto Murolo , Enzo Gragnaniello e Mia Martini.

Suona al TEATRO ARMIDA di Sorrento musiche
di Lucio Dalla composte per il film di Michelangelo
Antonioni
AL DI LA’ DELLE NUVOLE
alla presenza del regista e dell’autore delle musiche(1995).

Al TEATRO
ARISTON
di  SANREMO suona con Enzo Gragnaniello nell’ambito del ” PREMIO
TENCO ’96

Suona per una importante serata dedicata
alla poesia contemporanea (POZZUOLI 
chiesa Del Purgatorio) accompagnando le letture poetiche di : Edoardo
Sanguineti, Mimmo Liguoro, Carmine Lubrano, Marzio Honorato, Adele Pandolfi,
Edoardo Sant’Elia, Umberto Attardi.(1998).

Nel 2001 suona per “the V european music
therapy congress”.

Partecipa a trasmissioni  radiofoniche etelevisive  tra le quali  Uno
mattina
” con Enzo Gragnaniello (RAIUNO1993) e per l’esecuzione  di ” Syrinx di C. Debussy. ; “L’occhio del faraone“(RAIUNO_1995) presentazione del brano di sua composizione ”
Donnaregina.

Partecipa a numerose registrazioni di
colonne sonore teatrali e cinematografiche tra le quali  :

“Liola’ regia di Bruno Cirino; “Il voto ”
regia di V: Puecher; “Zingari” regia di Mariano Rigillo;

Registra alcune composizioni del M  Jacopo
Napoli da lui stesso dirette.

2009 – presenta il suo primo disco
solistico “DONNAREGINA” che  ha riscosso notevoli consensi  tra la stampa e il pubblico, e’ stato, inoltre
selezionato da un produttore americano per alcuni passaggi radiofonici in
Florida.