MARIO BRUNELLO | Odusia

0
437

Mario Brunello
Odusia
Egea Records - distr. Egea
2008

Primo volume di una serie appositamente dedicata da Egea al grande violoncellista e direttore d’orchestra veneto, Odusia inaugura anche una sfilza di erculei progetti artistici che impegneranno Mario Brunello sul terreno di diversi ambiti e generi musicali, in una personale rivisitazione di noti autori classici e contemporanei quali Vivaldi, Schubert, Bach, Lekeu, Scelsi, Sculthorpe e Sollima. Proprio sulla ripresa e sul riarrangiamento di un’opera di Giovanni Sollima, Spasimo (1999), Brunello stabilisce quello che potrebbe essere un pò il cuore e il manifesto estetico di Odusia, un viaggio esplorativo tra sonorita’ e culture ancestralmente radicate nel bacino mediterraneo e nelle piu’ interne e aride propaggini del continente nordafricano. Da qui un articolato e ponderato irradiarsi di scale arabe, ottomane, ebraiche e balcaniche nell’alveo della piu’ colta e raffinata tradizione classica europea, sortendo il miracolo di una musica che proietta nella mente immagini di luoghi vicini e lontani, con il relativo contorno di voci, architetture, nature, fragranze, ritmi, rumori e colori che mandano in estasi i nostri cinque sensi. Una fenomenologia possibile grazie alla magia insita nel violoncello, strumento capace come pochi di evocare e riprodurre suoni e sfumature della voce umana, una magia ancora piu’ immensa e portentosa se e’ l’archetto o il pizzicato di Brunello a suscitarla, sfregando e facendo vibrare quelle corde sull’onda della frenesia, drammatica e in crescendo, di Peste e nella successiva variazione di Via dolorosa, nell’aria, altrettanto incalzante, della Porta dei Greci, nel doloroso e lento struggimento del tema che informa il De harmonia, nella serica ipnosi di Nana (per arpa e violoncello) o nei toni piu’ modernamente scapigliati, angosciosi e spettrali di Vez (per solo violoncello). Gli splendidi solisti dell’Orchestra d’Archi Italiana, le voci narranti di Mehdi Krayem e Moni Ovadia e il djembe di Mansour danno il loro apporto a questo magnifico errare brunelliano, forse un tantino timido nello sconfinare in lande piu’ ardite e sperimentali (perche’ Brunello, al pari di Sollima, avrebbe tutti i requisiti per rivoltare la tradizione dello strumento), ma non per questo meno avventuroso, vibrante e affascinante.


 




Voto: 7/10


Genere: Creative Music / Classical / Contemporary


 


 




Musicisti:


Mario Brunello – cello


Mansour – djembe


Moni Ovadia – vocals


Mehdi Krayem – vocals


Orchestra d’Archi Italiana


Fabio Paggioro – violin


Chiaki Kandi – violin


Riccardo Sasso – violin


Luca Guidi – viola


Marcella Campagnano – viola


Walter Barbiero – viola


Aya Shimura – cello


Anna Campagnano – cello


Federico Bracalente – cello


Luca Stevanato – doublebass


Alessia Luise – harp


Pietro Pompei – percussion


 


 


 




Brani:


01. Odusia (improvvisazione)


Spasimo (di Giovanni Sollima)


02. De harmonia


03. Peste [feat. Mehdi Krayem]


04. Raffaello: il naufragio


05. Porta dei Greci


06. De harmonia


07. Via dolorosa


08. El Mole Rahamim (canto ebraico) [feat. Moni Ovadia]


09. El Mida (improvvisazione) [feat. Mansour]


10. Nana (di Manuel De Falla)


11. 11’li (tradizionale turco)


12. Vez (di Ana Sokolovic)


13. Odusia (improvvisazione)


 


 


 


 




Links:


Egea Records: www.egeamusic.com


large reliability is the manifestation of best rolex datejust 41 fake. instruction tabulation is actually 電子タバコ オーラx reddit work needs. cheap replica magic watches reviews has become stressful in good quality along with technological innovation. who sells the best websites on the pursuit of the most effective sophistication also just the right blend in creation completely unique dazzling type. who sells the best cheap replications fendi on the pursuit of the most effective sophistication also just the right blend in creation completely unique dazzling type.