Musica e cinema dal 15 al 18 luglio a Carloforte con la quarta edizione del festival Creuza de ma’. Fra gli ospiti Vittorio Taviani, Caterina Murino, Rocco Papaleo e Rita Marcotulli – Carloforte, 15-18 luglio 2010

0
223

La formula è quella ben rodata nelle tre precedenti edizioni: quattro serate all’insegna del binomio cinema e musica, con proiezioni di film e documentari, concerti, incontri e momenti di approfondimento con musicisti, compositori, registi, attori. Anche la location è quella consueta: Carloforte, il paese sull’isola di San Pietro, a mezz’ora di nave dal sud-ovest della Sardegna. Cambia invece il periodo di svolgimento: da settembre l’appuntamento si trasferisce a luglio, nel weekend lungo da giovedì 15 a domenica 18; ed è questa la novità più significativa di una nuova edizione, la quarta, di “Creuza de ma’”, il festival ideato e organizzato dall’associazione culturale Backstage con la direzione artistica del regista Gianfranco Cabiddu.

Il titolo, preso in prestito dalla nota canzone di Fabrizio De Andrè, vuole essere un omaggio al grande cantautore genovese, ma anche alle origini liguri di Carloforte, fondata nel 1738 da una colonia di pescatori di Pegli, che farà da cornice alla manifestazione ospitando fra piazze, carrugi e impareggiabili scorci marini i diversi eventi in cartellone. Un cartellone come sempre fitto e variegato, in cui spiccano i nomi di Vittorio Taviani, Caterina Murino, Rocco Papaleo, Rita Marcotulli e Javier Girotto.



Si comincia giovedì 15
Tutte le serate si aprono alle 20:30 al Cinema Mutua con un appuntamento fisso del festival, “L’omaggio ai Maestri”, un ciclo di proiezioni dedicato ai più riusciti connubi artistici fra registi e musicisti. Dopo aver esplorato le feconde collaborazioni di Federico Fellini con Nino Rota, Dino Risi con Armando Trovajoli e Sergio Leone con Ennio Morricone, quest’anno “Creuza de Ma’” porta sullo schermo il cinema dei fratelli Paolo e Vittorio Taviani con le musiche di Nicola Piovani. Un sodalizio suggellato da ben otto film. Tre quelli in programma a Carloforte: si comincia giovedì 15 con “La notte di San Lorenzo” (del 1982), venerdì 16 si proietta “Kaos” (1984) e sabato 17 “Good morning Babilonia” (1987). A introdurre il ciclo (giovedì 16) sarà un incontro con il più grande dei due registi toscani, Vittorio (classe 1929; Paolo è invece del ’31). Nelle vesti di conduttori, come nelle scorse edizioni del festival, Luca Bandirali, studioso di musica per il cinema, e il musicologo e musicista Riccardo Giagni (autore di tante colonne sonore, da “Sogni infranti” e “Buongiorno, notte” di Marco Bellocchio a “Le ragioni dell’aragosta”, “Viva Zapatero” e il più recente “Draquila” di Sabina Guzzanti).

La serata di apertura è anche un’occasione per fare i saluti di casa. Alle 22 i riflettori del festival si trasferiscono dunque nella centralissima Piazza Repubblica per un concerto di musiche per film della Banda Musicale “Città di Carloforte”, seguito dalla proiezione di “L’