MUMFORD & SONS | Wilder Mind

0
293

MUMFORD & SONS
Wilder Mind
Glassnote / Island Records
2015

Ascoltando il nuovo Mumford & Sons quella che può frullare in testa è una strana constatazione. Ossia, che le parti si siano invertite, essendo adesso il quartetto londinese più Coldplay dei Coldplay stessi, giusto nella fase in cui Chris Martin e soci giocano spesso ad assomigliare ai vecchi Mumford & Sons. Un’altra pietra di paragone, utile per spiegare come suona “Wilder Mind”, è quella dei Kings Of Leon del fortunatissimo “Only By The Night“. Questo per dire che ciò che fa più notizia di questo disco è l’inattesa sterzata verso atmosfere decisamente elettriche e non tanto la qualità dei risultati o la sostanza dei contenuti. A che pro abbandonare la strada acoustic pop e indie folk di “Sigh No More” (2009) e “Babel” (2012) che aveva condotto ai vertici delle classifiche internazionali il nome del gruppo? Perché mettere da parte banjo, contrabbasso e chitarre acustiche in favore di chitarre elettriche, basso, batteria e tastiere?

Ognuno è padrone del proprio destino e quello dei Mumford & Sons potrebbe ora infilare il sentiero di più lauti e ampi consensi, sempre che la moltitudine dei fan, che li ha amati per quello che erano e hanno rappresentato, perdoni loro il tradimento. Chi poi cercasse di accostare il cambiamento del quartetto britannico alla fatidica svolta elettrica dylaniana del 1965 cadrebbe solo nel ridicolo, perché laddove Dylan ebbe la capacità di continuare a innovare restando (e moltiplicando) se stesso, qui, al contrario, i Mumford & Sons cadono nelle sabbie mobili di un rock melodicamente ruffiano, falsamente alternativo, servo di troppi padroni, passati e contemporanei.

A prescidere dall’immediatezza e dall’appeal anche molto radiofonico di diversi brani (i viscerali crescendo elettrici di Tompkins Square Park, Believe e The Wolf oppure i più notturni ed esistenziali affreschi di Snake Eyes e Hot Gates) resta l’amaro in bocca per un’occasione mancata, per un doppio salto mortale nel vuoto della banalità e dell’impersonalità. La speranza è che il gruppo ritrovi la verve dell’originalità, pur allontandosi dalle radici di partenza. Difficile dire se riuscirà a vendere e a piacere più dei precedenti. Per il momento, tirando le somme, “Wilder Mind” si fa solo riconoscere come un disco inutilmente bello.

 

Voto: 6/10

Genere: Pop-Rock / Alternative Rock

 

 

Musicisti:

Marcus Mumford – lead vocals, electric guitar, drums

Ted Dwane – electric bass, vocals

Ben Lovett – piano, keyboard, synthesiser, vocals

Winston Marshall – electric guitar, vocals

 

Additional musicians

 

James Ford – drums, percussion, keyboards

Tom Hobden – violin

Thomas Bartlett – keyboards

Dave Nelson – trombone

Aaron Dessner – keyboards

Benjamin Lanz – trombone

 

 

Brani:

01. Tompkins Square Park

02. Believe

03. The Wolf

04. Wilder Mind

05. Just Smoke

06. Monster

07. Snake Eyes

08. Broad-Shouldered Beasts

09. Cold Arms

10. Ditmas

11. Only Love

12. Hot Gates

 

 

Links:

Mumford & Sons

Island Records

MUMFORD & SONS | Wilder Mind   MUMFORD & SONS | Wilder Mind   MUMFORD & SONS | Wilder Mind   MUMFORD & SONS | Wilder Mind   MUMFORD & SONS | Wilder Mind   MUMFORD & SONS | Wilder Mind