ANTONELLA MONTRASIO E MUDANCA QUINTET | Meu Silencio

0
408

Antonella Montrasio e Mudanca Quintet
Meu Silencio
VideoRadio
2009

Una carrellata nella bossa nova, di quella buona, e nel samba, con qualche divagazione di tango, ripescando tra i migliori classici che ci sono pervenuti dal genio dei padri del genere.


Interpreti di Meu Silencio, Cd di esordio di Antonella Montrasio sono, ad affiancare la bravissima cantante lombarda, i componenti dell’ottimo Mudanca Quintet, alias Gianfranco Calvi al pianoforte, Max De Aloe all’armonica cromatica ed alla fisarmonica, Roberto Mattei al contrabbasso e Nicola Stranieri alla batteria.



La caratteristica che salta immediatamente all’orecchio e’, ad onor del vero, la ricerca di perfezione nelle interpretazioni, curatissime nei minimi particolari, sobrie negli arrangiamenti, contraddistinti da grande raffinatezza, ed impeccabili nelle esecuzioni. Un ottimo lavoro per essere il Cd di esordio della giovane cantante che, da tempo, si dedica con passione allo studio della musica brasiliana, con particolare attenzione per il samba e per la bossa e per gli autori piu’ significativi che si ritrovano nella selezione del Cd, passando, tra gli altri, – e non poteva essere altrimenti – per i grandi Tom Jobim, Chico Barque e Dorival Caymmi.


La cura cosi’ rigorosa a rimanere attentamente “nel pentagramma”, a concedere pochi spazi all’improvvisazione ed all’emotivita’, ha prodotto pero’ un effetto collaterale non del tutto trascurabile: ha tolto un tantino di personalita’ alle interpretazioni che finiscono per apparire un pò didascaliche e leggermente carenti di alcuni aspetti essenziali nella bossa nova. Se fosse stato solo per l’intonazione perfetta, che toglie alla voce qual pizzico di desafinado richiesto dai manuali, si sarebbe potuto sorvolare, ma con la perfezione degli arrangiamenti e la precisione svizzera della ritmica vengono un pò meno anche la componente animista africana, e quella vena jazzy, in altre parole di quello che oggi e’ di moda chiamare “X Factor”.


Fanno comunque eccezione Estrada Do Sol, di Tom Jobim, piu’ sostenuta nel ritmo, che mostra un maggior trasposto emotivo di tutto il quintetto e Quem Vem Pra Beira Do Mar, di Dorival Caymmi che, interpretata con un’originale cornice sonora, rievoca le sonorita’ della strada donando al brano una piacevole atmosfera di presenza popolare e di varia umanita’.



Nel complesso l’esperimento e’ comunque indiscutibilmente ben riuscito, fruibile, raffinato e molto curato nei particolari; ottima la selezione dei brani, inusuali e non sfruttati, che denotano la ricerca e la competenza in una scelta che non cede alla tentazione di approfittare di brani fin troppo conosciuti; di certo le occasioni live, come nella loro natura, riserveranno qualche concessione in piu’ alla spontaneita’ ed alle emozioni.




Musicisti:



Antonella Montrasio, voce


Gianfranco Calvi, pianoforte e arrangiamenti


Max De Aloe, armonica cromatica e fisarmonica


Roberto Mattei, contrabbasso


Nicola Stranieri, batteria





Brani:



01. Sabia’ (Antonio Carlos Jobim, Chico Barque)


02. Morena do mar (Dorival Caymmi)


03. Senhorinha (Guinga, Paulo Cesar Pinheiro)


04. Morena dos olhos d’agua (Chico Barque)


05. Meu silencio (Luis Fernando Goncalves, Claudio Nucci)


06. Choro pro ze’ (Giunga, Aldir Blanc)


07. Joana Francesca (Chico Barque)


08. Horas (Dorival Caymmi)


09. Quem vem pra beira do mar (Dorival Caymmi)


10. Estrada do sol (Antonio Carlos Jobim, Dolores Duran)


11. Meu menino (Danilo Caymmi, Ana Terra)




Links:


www.myspace.com/antonellamontrasio