LUCA LOIZZI: in radio con il singolo QUANDO MENO TE LO ASPETTI

0
300

Luca Loizzi, per anni insegnante di lettere a Milano nel 2011 chiede ed ottiene il trasferimento al Sud, ora vive e lavora in Puglia, per quello strano fenomeno che alcuni chiamano “migrazione inversa”.e#8232;La sua ricetta musicale e’ ispirata dal vecchio e nuovo cantautorato francese, da Brel a Brassens, da Benaba’r a Vincent Delem fino alla scoperta di Giorgio Gaber e di Nanni Svampa.

Oggi al suo esordio discografico con un disco omonimo in uscita il 30 Maggio per Tarock Records, promosso con il sostegno di Puglia Sounds.

In rotazione radiofonica in questi giorni con il primo singolo estratto dal titolo “Quando Meno Te 

Lo Aspetti”, brano che rappresenta al meglio la scrittura dell’autore: una ballad in cui echi folk si intrecciano ad ironiche invettive nello stile tradizionale della canzone d’autore.

Registrato tra gennaio ed aprile del 2012 presso gli Studios LaVilla24 (Biscceglie/Trani) dal produttore Beppe Massara ed arrangiato dal chitarrista Nico Acquaviva, il disco rappresenta il frutto di una lunga collaborazione iniziata gia’ nel 1998. I nove brani di cui si compone l’album, sono ispirati principalmente alla tradizione cantautorale italiana e francese nella sua versione piu’ ironica e satirica, e rappresentano le tante e diverse anime dell’autore: le citazioni colte e letterarie si mescolano  a metafore ardite, espressioni gergali, ricercati “non-sense” o idiomi stranieri che estrapolati spesso dal proprio contesto originario, creano cosi’  piu’ livelli di comprensione e un “melting-pot” linguistico volutamente sarcastico e provocatorio, raccontando l’Italia di oggi decadente, ambigua, psicotica, ma pur sempre romantica.

La struttura minimale della composizione, pensata principalmente per voce e chitarra, si arricchisce di arrangiamenti diversi per ogni brano e di sonorita’ internazionali: swing, blues, folk e jazz latino caratterizzano le canzoni conferendo ad ognuna una propria identita’, seppure esse trovino elemento di coesione nella peculiare scelta dello scat vocale nei ritornelli come nelle strofe e nel personalissimo stile cantautorale dell’artista.

La presenza di musicisti di primissimo piano non ha implicato necessariamente l’adozione di tecnicismi solistici nella struttura degli arrangiamenti che, al contrario, restano meno elaborati cosi’ da sottolineare le sonorita’ acustiche e favorire l’aspetto lirico dei brani.

Il disco alterna ballads a brani con andature veloci e ritmate e ad altre ancora, lente e cadenzate con improvvise accelerazioni.

L’Artwork del cd in digipack lucido, riproduce una tela di Dario Agrimi e ritrae Luca Loizzi in una posa classica ispirata all’iconografia tipica di “Orfeo” cosi’ da favorire l’impressione d’avere un mini-quadro fra le mani.



TAROCK Recordson FaceBook



Questo album CD – “LUCA LOIZZI”  – e’ promosso con il sostegno del P.O. FESR PUGLIA 2007/2013 ASSE IV – PUGLIA SOUNDS



ufficio stampa

PROTOSOUND POLYPROJECT – www.protosound.net