Le sperimentazioni musicali di Ibrida, Festival Internazionale delle Arti intermediali di Forlì, dal 16 al 18 settembre

0
213

I più radicali e innovativi esponenti della scena nazionale contemporanea sono in arrivo alla settima edizione del progetto che traduce in proposta culturale e artistica il cambiamento epocale che tutti stiamo vivendo.

 

La settima edizione di Ibrida – Festival Internazionale delle Arti Intermediali avrà per titolo-tema Digital Identity e si svolgerà a Forlì dal 16 al 18 settembre negli spazi di EXATR – hub votato al contemporaneo situato nel centro storico della città (anteprima online giovedì 15 settembre).

In primo piano, all’interno della variegata programmazione, sono alcuni eventi live a cura dei più radicali e innovativi esponenti della ricerca musicale contemporanea.

Venerdì 16 settembre Silvia Cignoli (chitarra ed elettronica), Salvatore Insana (video) e Caterina Palazzi (contrabbasso) presenteranno il concerto audiovisivo Your Favourite Hell, in prima nazionale, creato ad hoc su commissione di Ibrida Festival 2022. Le due musiciste, in questo primo inedito concerto audiovisivo insieme, accompagneranno le immagini alternando momenti di improvvisazione (anche radicale) a melodie oniriche e minimaliste, con sterzate di una violenza rock. Entrambe fanno della ricerca timbrica sullo strumento un caposaldo della loro estetica, e insieme fonderanno le loro sonorità per dare vita ad una sonorizzazione estemporanea basata sul libero dialogo musicale.

Il giorno seguente, sabato 17 settembre, il compositore elettronico Økapi (aka Filippo E. Paolini) proporrà OTIS – Vertical Tales, tratto dall’omonimo album musicale illustrato uscito per Folderol Records. È un omaggio all’inventore dell’ascensore, Otis Elisha Graves, e a quel dispositivo che da metà del XIX secolo ha rivoluzionato gli orizzonti urbanistici e ambientato infinite narrazioni. Per questo live Økapi destruttura suoni e, per la prima volta, immagini provenienti dalle più disparate fonti e li ricompone in una suite in più tempi. Sound-collagist ed esponente della plunderphonic music, Økapi concepisce le tracce a partire dalle immagini e viceversa. Il live esalta la dimensione sinestetica e polisensoriale della composizione. La tecnica del cut-up e della risemantizzazione sonora e visiva fa da protagonista.

Domenica 18 settembre è in programma Soul Punx, con Konstantin Dellos (Lunakid) e le animazioni e interazioni video live di Igor Imhoff. Konstantin Dellos, polistrumentista residente a Berlino, è produttore musicale, compositore di musica per film con un approccio volto a creare suoni intensi, sensoriali e immersivi. Konstantin gestisce la sua etichetta e il collettivo di produzione Soulpunx. Igor Imhoff, sviluppatore di videogiochi, poi artista digitale e docente di arti digitali presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia, si occupa prevalentemente di immagine in movimento e sperimentazione visuale.

Dopo i live, sono in programma ogni sera speciali visual dj set, creati ad hoc e curati da Sonic Belligeranza, etichetta indipendente di musica elettronica nata nel 2000 e specializzata in breakcore e rumorismo di matrice concettuale. L’etichetta è diretta dal musicista e produttore musicale Riccardo Balli aka DJ Balli.

Venerdì 16 settembre saranno protagonisti il dj AcidZab e il vj Federico Bigi (aka Sublime tecnologico), co-fondatore di Apparati Effimeri. «Con questo set il belligerante sonico AcidZab invece decostruisce il club in maniera radicale tra iper mash-up break-core e accellerazioni speedcore» spiega DJ Balli «il tutto senza chiamare in causa la ruspa con cui Yamatsuka Eye ha letteralmente demolito il locale Tokyo Super Loft durante un suo concerto con gli Hanatarash nel 1985».

Gli stessi DJ Balli e Federico Bigi saranno protagonisti sabato 17 settembre, mentre domenica 18 settembre saliranno sul palco di Ibrida Festival il dj Zoologist e il vj Mauricio Corradini: «Showcase della release del Blu-Ray di dj Zoologist ispirato a un celebre frammento dello scrittore e linguista Samuel Johnson: “He who makes a beast of himself forget about the pain being a man”. Per riscoprire l’animalità che è in noi».

 

In programma, inoltre, installazioni, proiezioni e incontri.

 Le nuove frontiere della musica d’arte si danno appuntamento a Forlì.

EXATR si trova in via Ugo Bassi 16.

Info e programma dettagliato: http://ibridafestival.it/, ibridafestival@gmail.com.

 

Il Festival è possibile anche grazie al sostegno del Comune di Forlì, della Regione Emilia-Romagna, della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e di Romagna Acque – Società delle Fonti S.p.A. Partner strategico: PubliOne.