GIOVANNI FALZONE CONTEMPORARY ORCHESTRA | Led Zeppelin Suite

0
246

GIOVANNI FALZONE CONTEMPORARY ORCHESTRA
Led Zeppelin Suite
Musicamorfosi / Maccalube Records
2016

Led Zeppelin è una band che ha scritto pagine memorabili della storia del rock e dell’hard rock mondiale, tra le più celebrate, innovative e osannate di tutti i tempi. L’estroso trombettista e compositore Giovanni Falzone dà vita alla sua nuova fatica discografica intitolata “Led Zeppelin Suite” avvalendosi della Contemporary Orchestra, da lui diretta, formata da Jacopo Soler (flauto), Simone Maggi (tromba), Massimiliano Milesi (sax tenore), Marco Taraddei (fagotto), Andrea Andreoli (trombone), Carlo Grandi (trombone), Valerio Scrignoli (chitarra), Michele Tacchi (basso) e Antonio Fusco (batteria). Il cd si snoda attraverso una suite di quattordici brani contenuti in quattro quadri musicali. Sette dei quattordici brani sono frutto dell’ingegno compositivo del leader, mentre gli altri sette rappresentano alcuni significativi successi della rock band inglese. Dark Times (Giovanni Falzone) è una composizione criptica, ipnotica, ispirata da un frammento tematico di Good Times, Bad Times (Led Zeppelin). Falzone snocciola un eloquio cadenzato, incendiario e ammiccante, ornato da fascinose inflessioni bluesy e da una ricca perlustrazione della gamma timbrica. Da Migrant Ballade (Giovanni Falzone), che trae ispirazione da Babe I’m Gonna Leave You (Led Zeppelin), sgorga l’intensa vena melanconica dell’autore. L’incedere di Giovanni Falzone è avvolto da un senso di mestizia, imperlato da un’ammirevole sensibilità descrittiva e sostenuto dal costrutto ritmico vibrante architettato dal tandem Tacchi-Fusco. L’etereo Elegia (Giovanni Falzone), ispirato da Immigrant Song (Led Zeppelin), si apre con una sobria intro di fagotto, alla quale in rapida successione si aggiungono flauto, ottoni e sax tenore. Qui Il suono ammantante e il playing evocativo di Falzone pervadono all’istante. Da “Led Zeppelin Suite” trasuda la fisiologica necessità dell’autore di esprimere gratitudine verso i Led Zeppelin attraverso una nuova veste sonora, armonica e ritmica frutto di una personale ricerca espressiva.

 

 

Genere: Contemporary Jazz / Rock

Musicisti:

Giovanni Falzone, trumpet
Jacopo Soler, flute
Simone Maggi, trumpet
Massimiliano Milesi, tenor sax
Marco Taraddei, bassoon
Andrea Andreoli, trombone
Carlo Grandi, trombone
Valerio Scrignoli, guitar
Michele Tacchi, bass
Antonio Fusco, drums

Brani:

01. Dark Times
02. Good Times, Bad Times
03. Migrant Ballade
04. Rebound
05. Whole Lotta Love
06. Heartbreaker/Moby Dick
07. Elegia
08. Friends
09. Choral Interlude
10. Psychedelic Dance
11. Black Dog – Intro
12. Abstraction
13. Black Dog
14. Stairway To Heaven

Link:

Giovanni Falzone su Musicamorfosi