FRANCESCO NASTRO DUO per Officinamusica – Caserta, 28 giugno 2013

0
98

Appuntamento clou e momento d’altissimo rilievo per OFFICINAMUSICA Summer Edition con il concerto del pianista Francesco Nastro accompagnato per l’occasione dal basso elettrico di Marzio Langella. Un duo speciale e di consumata esperienza che insieme al giovane batterista di talento Giuseppe La Pusata costituisce una delle principali formazioni in trio con cui Francesco Nastro e’ solito esibirsi negli ultimi anni.




OFFICINAMUSICA
contaminazioni e altri suoni
SUMMER EDITION


 presenta


 FRANCESCO NASTRO DUO


Francesco Nastro, piano, tastiere


Marzio Langella, basso elettrico



 


 Venerdi’, 28 Giugno 2013 Ore 21:30


Manouche Bristrot
via Agapito Bellomo 14
Caserta (loc. Puccianiello)



 


Una produzione Sound Contest, in collaborazione con Manouche Bistrot e con la direzione artistica di Antonio Feola



 


Classe 1967 e originario di Castellammare di Stabia, Francesco Nastro e’ riuscito a confermarsi come una delle voci piu’ originali del piano jazz nazionale e internazionale, nonche’ come l’esponente di maggior spicco della nuova generazione di pianisti della scena campana e partenopea. Una solida formazione classica unita a una tecnica dinamica, precisa e spesso vertiginosa fanno di Nastro un musicista e un compositore completo e a tutto tondo, un rispettoso interprete della tradizione ma anche e soprattutto un curioso esploratore dei codici e dei linguaggi musicali piu’ attuali e trasversali. A dimostrarlo ci sono le collaborazioni e le esperienze effettuate con alcuni dei piu’ validi e affermati artisti nazionali e internazionali (Lester Bowie, Don Moye, Marvin Stamm, Bruce Forman, Bruno Tommaso, Roscoe Mitchell, Maurizio Giammarco, Pietro Condorelli, Fabrizio Bosso, Antonio Onorato, Max Ionata, Roberto Gatto, Furio Di Castri, Mariapia De Vito, Antonello Salis) ma anche gli album finora incisi, alcuni dei quali davvero notevoli e sopra la media.







 




A incominciare dal disco di esordio “Trio Dialogues (1998, rist. Itinera nel 2006) con il contrabbassista Gary Peacock e il batterista Peter Erskine, per continuare in tempi piu’ recenti con lo splendido Waiting For A New World” (Itinera, 2009) in quartetto con Giulio Martino, Tommaso Scannapieco e Mario De Paola (il cui merito principale e’ quello di conciliare in modo singolare e virtuosisticamente travolgente repertorio classico, standard jazz e libera improvvisazione), il superbo Sea Inside” (Itinera, 2008, con Javier Girotto, Avishai Cohen e Roberto Gatto) e l’intenso “Passione” (Cam Jazz, 2012), il suo ultimo disco in duo che sancisce l’intesa formidabile con il viscerale sassofonista argentino Javier Girotto. Trio acustico tra i piu’ apprezzati e’ anche quello che Nastro ha costituito con il contrabbassista Aldo Vigorito e il batterista La Pusata, mentre ormai storico e’ il progettto elettroacustico (sia in duo che in quartetto) condiviso con il noto chitarrista Pietro Condorelli. Il repertorio che Francesco Nastro presentera’ in duo a OFFICINAMUSICA Summer Edition (affiancato nel successivo concerto di replica a San Sebastiano al Vesuvio dalla batteria di Giuseppe La Pusata) sara’ all’insegna della piu’ completa sorpresa e imprevedibilita’, espressione delle sue influenze piu’ care e variegate, oscillante tra scrittura e libera improvvisazione, con bella alternanza di riletture di standard e brani originali.



 



Dopo l’ampio gradimento riscosso con l’inaugurale rassegna invernale e primaverile 2012-2013 OFFICINAMUSICA – progetto e iniziativa di Sound Contest con la preziosa ed esperta collaborazione del direttore artistico Antonio Feola – prosegue la sua folle ma sempre piu’ appassionata avventura nella nuova versione “Summer Edition“, format e pacchetto di ulteriori appuntamenti concertistici che andranno a insistere sul territorio della provincia di Caserta e Napoli in due distinte location provviste da lungimiranti soggetti sostenitori. OFFICINAMUSICA “Summer Edition diviene cosi’ un duplice luogo fisico “outdoor” nel quale continuare a condividere esigenze ed aspettative, scambiarsi commenti, umori e sensazioni. Un duplice spazio e punto di aggregazione per godere esperienze musicali piu’ leggere e meno radicali, originalmente fresche e in sintonia con l’esigenza di relax e piacere che impone la stagione estiva. Tutto cio’ mantenendo sempre fede ad un’idea qualitativamente alta della musica e della cultura, possibilmente volta a valorizzare e scoprire talenti nuovi o gia’ affermati che creano e agiscono nel territorio, ispirati da una visione del jazz e dell’improvvisazione capace di inglobare suggestioni estetiche e modalita’ espressive positivamente differenti. 



 


Formule di ingresso al concerto: