THURSTON MOORE | Demolished Thoughts

0
285

Thurston Moore
Demolished Thoughts
Matador Records - distr. Self
2011

Era nelle corde della mente grigia dei Sonic Youth giungere al fatidico album acustico infarcito di archi svolazzanti e tridimensionali. La colpa datela non a lui ma a quel birbante di Beck, da tempo rimasto intrappolato nel tunnel di caramellose pastorali folk-tropicaliste, qui in veste di produttore e partner ma ancor più di malevolo suggeritore.


 



Oltrepassati i cinquanta, il buon Thurston Moore non ha nulla da dimostrare, quello che doveva farci sentire, nel bene e nel male, lo ha già fatto da solo e con il gruppo madre. Oramai la sua vena iconoclasta e sperimentale si riflette e opera meglio attraverso le produzioni della “private label” Ecstatic Peace, ma in prima persona e in solitudine il rammollimento è lampante.


 



A scuoterlo e a riportarlo, di tanto in tanto, verso sane delinquenze sonore sono rimasti altri amici e compagni di merenda: Jim O’Rourke, Chris Corsano, Paul Flaherty, Mats Gustafsson, Carlos Giffoni. Demolished Thoughts mette invece sul piatto il lato lunatico e malinconico di certo cantautorato indie-folk statunitense, facendo sì che il suo appeal “chamber pop” (irradiato dal violino di Samara Lubelski dei Sonora Pine e dall’arpa di Mary Lattimore) emani dalla sempreverde magia onirica di Sir Nick Drake. Moore fa leva sulla morbidezza intima e svenevole del proprio canto, pennellando accordi cristallini come rugiada, a volte insistendovi in modo ficcante e reiterato per veicolare agresti vapori allucinogeni. Sono solo tre i momenti e i titoli degni di nota dell’album: Circulation, Orchard Street e la sinistra Mina Loy. Quel che resta ascoltare è fumo senza arrosto, musica apatica e indolore, senza neanche la più pallida ombra di ispirazione o disperazione.


 


 




Voto: 6/10


Genere: Folk- Chamber Pop


 


 




Musicisti:


Thurston Moore – vocals, guitar


Bram Inscore – bass


Beck Hansen – keyboards, bass, vocals


Joey Waronker – drums, percussion


Samara Lubelski – violin


Mary Lattimore – harp


 




Brani:


01. Benediction


02. Illuminine


03. Circulation


04. Blood Never Lies


05. Orchard Street


06. In Silver Rain With A Paper Key


07. Mina Loy


08. Space


09. January


 


 


 




Links:


Matador Records: www.matadorrecords.com