Dalla Casa Bianca al Music Art di Napoli: la cantante Lauren Henderson

0
430

Giovedì 1 dicembre alle ore 21,30 il Music Art ospiterà una cantante americana, che è al top delle preferenze nientedimeno che del Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama.

Originaria del Massachussets, arriva a Napoli da Miami e New York – dove vive -, la bella vocalist di Jazz e Latin Jazz, nonchè compositrice, Lauren Henderson; il suo stile è versatile e la sua ecletticità vocale le consente di spaziare tra diversi generi, come quello Afro-Latino e quello degli standards Jazz.

Nel 1993 inizia a studiare pianoforte e cresce cantando nei cori scolastici e della chiesa, ascoltando i dischi jazz che i suoi genitori e nonni avevano in casa. Inizialmente timorosa di esibirsi da solista in pubblico, così come capita a tutti i giovani musicisti, diventa più consapevole della sua voce e del suo talento quando diventa la direttrice musicale del suo gruppo di canto, quando si inserisce in una band jazz e mentre studia l’impostazione classica della voce e l’approccio al musical teatrale.

Si laurea in Studi Ispanici ed in Musica, mettendo insieme la sua passione per il canto e per la cultura in generale; vive a Puebla, in Messico e studia la musica tradizionale dello Yucatàn e musica pololare alla Benèmerita Universidad Autònoma di Puebla. All’Università di Cordova, approfondisce invece il flamenco e le affinità di questo con il jazz.

L’album del debutto esce, con il suo nome come titolo, nel 2011: al piano Sullivan Fortner, al basso Ben Leifer e Jesse Simpson alla batteria; registrano alcuni classici di Duke Ellington, Hoagy Carmichael, Antonio Carlos Jobim e Rogers &Hart. La Henderson ha modo di studiare con musicisti leggendari come Barry Harris; ha cantato con la vocalist Jane Monheit, che ha ricevuto una nomination per il Grammy come vocalist. Il suo secondo lavoro discografico, A La Madrugada, raccoglie un gruppo di blasonati musicisti americani come il già citato Fortner al pianoforte, Ameen Saleem al basso. Jomathan Powell alla tromba e Jeremy Bean Clemmons alle percussioni ed alla batteria.

Arricchiranno ulteriormente questo già grandioso ‘quadro’ musicale, le note del virtuoso del pianoforte Francesco Nastro;  nato a Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli, classe ‘67, studia e si diploma in pianoforte nel 1989 e nel 1991 completa gli studi di composizione, sempre presso il Conservatorio di Salerno.

Nastro, che non ha trascurato, al contempo, di approfondire un approccio alla musica classica, seguendo un corso di perfezionamento tenuto dal Maestro Adrian Costantin Baciu, ha partecipato a numerosi festival jazz di levatura nazionale ed internazionale. Ha vinto il premio Clara Barberis in improvvisazione jazz.

Con il giornalista Pietro Mazzone collabora con il Pomigliano Jazz festival nel realizzare le Guide all’ascolto, che vedono la partecipazione di alcuni prestigiosi ospiti del mondo musicale. Ha partecipato all’opera di Roberto De Simone. Requiem in memoria di Pier Paolo Pasolini, esibendosi al Teatro San Carlo di Napoli.

Guida un Trio a suo nome ed è componente stabile del quintetto di Piero Condorelli e del quartetto di Aldo Vigorito; ha insegnato presso i Conservatori Cimarosa di Avellino e San Pietro a Majella a Napoli.

Un’ altra chicca musicale ce la regalerà il versatile e talentuoso contrabbassista Marco De Tilla, nato a Napoli nel 1977, a sette anni si avvicina alla musica, iniziando a suonare il pianoforte; con la maturità decide di voler intraprendere questa strada da professionista e studia basso elettrico e contrabbasso con il Maestro Rino Zurzolo, approfondendo ulteriormente lo studio dello strumento con i Maestri Leveratto, Vigorito e Di Castri. Attualmente insegna basso elettrico e contrabbasso jazz presso il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli ed il C. Gesualdo da Venosa di Potenza. Ha insegnato presso la scuola La Mela Di Odessa di Avellino, tenendo corsi, oltre che di Basso elettrico e Contrabbasso, anche di  Musica d’Insieme Jazz e di Avvicinamento all’Improvvisazione. Diviene assistente per i corsi che si tengono presso l’Ismez (Istituto Nazionale per lo Sviluppo Musicale del Mezzogiorno), dopo esserne stato a sua volta corsista frequentatore.

Partecipa alla registrazione di numerosi lavori discografici di tantissimi musicisti italiani e stranieri. Vince alcuni concorsi come Il Tuscia In Jazz – Jimmy Woode Award-, il Salerno Music Doors dove si aggiudica il primo posto ed il premio della critica con il quartetto che porta il suo nome.

Prende parte a diversi programmi radiofonici trasmessi su scala locale e nazionale come La Stanza Della Musica nonchè ad alcune trasmissioni televisive come  una puntata de La Squadra, in veste di attore/contrabbassista.

Suona Nella Go-Organic Orchestra diretta da Adam Rudolph, entra a far parte dei Jazz Lag, dove si esibisce insieme a Pietro Condorelli ed Emanuele Cisi.

Nel 2007 si laurea in Musica Jazz I Livello con il voto di 110 e lode e consegue il Diploma inferiore di Contrabbasso con il Maestro Ermanno Calzolari. Si esibisce nell’ambito dei più rinomati festival jazz italiani e stranieri, vince il secondo premio della categoria professionisti al concorso del Baronissi Jazz con il trio di Leonardo De Lorenzo.

Altro componente di questo ensemble musicale sarà il chitarrista salernitano Massimo Barrella, classe 1974, consegue il Diploma in chitarra all’Università della Musica di Roma nel 1988. Inizia la sua attività come musicista di jazz, esibendosi in alcuni club campani e partecipando a rassegne e festival come Over Jazz. Nel 2001 vince il terzo premio al concorso Eddie Lang per giovani chitarristi jazz. Nel 2004 è finalista al premio Massimo Urbani; nel 2005 vince il primo premio intitolato a Chicco Bettinardi nell’ambito del Piacenza Jazz Festival. Si esibisce in club come  Il Moro, il Bourbon Street, l’Alexander Platz.

Nel 2006, in quintetto, si esibisce a Musicultura di Macerata, rappresentando il premio Massimo Urbani. Dal 2007 milita nella Salerno Jazz Orchestra, insieme ai principali jazzisti della scena musicale salernitana.

Una serata davvero imperdibile dunque, organizzata dal Direttore Artistico Giuseppe Reale, con l’aiuto della Sig.ra Hermina e dell’indispensabile factotum Giuseppe De Lollis. Il Presidente Ennio Forte ci aspetta, per offrirci alcune ore in spensieratezza, all’ascolto di una cantante di livello davvero “presidenziale”.
Non mancate!

Donatella delle Cese

Luogo: Music Art

Indirizzo: Vico Santa Maria della Neve n. 65 (La Torretta – Mergellina), Napoli

Informazioni: 338/5669770