BORIS SAVOLDELLI | Biocosmopolitan

0
329

Boris Savoldelli
Biocosmopolitan
Moonjune Records
2011

 

Se si dovesse dare una definizione sintetica di Boris Savoldelli si potrebbe dire che è un cantante che basta a se stesso. Nel senso che, per fare un intero concerto, perfettamente articolato, non occorre altro che portare la sua persona sul luogo della performance. Ovviamente le cose si complicano un po’ giacché, da un po’ di anni a questa parte, oltre ad amplificare la voce dei cantanti con un microfono e relativo amplificatore, si utilizzano in alcuni casi strumenti elettronici che permettono di “giocare” con la voce in un modo particolarmente affascinante.

E Boris Savoldelli è proprio uno di quelli che ama offrire ricette semplici e originali, ma sempre ben articolate, cosicchè ha abbracciato l’elettronica – intesa come uso di campionatori e sequencers – cose che gli permettono di “moltiplicarsi”, di inventare all’istante una base musicale (vocale, naturalmente), di armonizzarla (con la sua stessa voce, s’intende), e di cantare su di essa all’impronta. Insomma – per dirla con un’espressione forse un po’ infelice ma indubbiamente efficace – in qualche modo “si canta addosso”…

Le evoluzioni vocali sono sorprendenti e spaziano tra diversi generi musicali, Boris è un vero maestro dello scat che predilige ricercare e sperimentare riferendosi ricorrentemente al buon rock d’annata.

Alla fine del brano tutto è finito, perso, il riff si cancella per lasciar posto all’improvvisazione successiva. Come si conviene nei canoni del jazz. Va da sè che le strutture dei brani che formano la scaletta di Boris non sono rigorosamente definite ma sono dei canovacci, abbozzati più o meno approfonditamente, che poi egli definisce e rifinisce all’istante, con la forza dell’improvvisazione.

In effetti, la ricetta non è originalissima ma il modo scanzonato con cui egli la presenta e la ricchezza di spunti e trovate ha permesso che Boris Savoldelli venisse definito, per alcuni anni consecutivi, nei primissimi posti tra i migliori cantanti jazz del mondo (subito dopo Tony Bennet e Al Jarreau, tanto per intenderci).

Questa è, un pò in sintesi, la descrizione del Boris Savoldelli quando si propone in versione “voce solo”. Che, naturalmente, non è la sola forma con cui Boris si presenta al pubblico; un personaggio eclettico e fantasioso come lui non pone limite alcuno alla formazione dell’ensemble, che può essere anche numerosissima e variatissima in termini di strumenti e strumentisti accompagnatori.


In particolare in quest’ultimo disco di Boris Savoldelli, Biocosmopolitan, c’è la presenza di un altro personaggio che ultimamente ricorre spessissimo al fianco di grandi talenti cosiddetti “emergenti”, parlo di Paolo Fresu, presente con tromba e flicorno in Concrete Clima e in Kerouac in New York City. C’è ancora la presenza di Jimmy Haslip al basso nel brano Biocosmopolitan.


Per definire meglio la cifra artistica, la carica di auto-ironia e la fantasia artistica di Boris Savoldelli, la dice tutta il video The Miss Kiss, che è possibile rintracciare sul web al sito omonimo, dove si può anche preascoltare Dear Prudence, brano storico di Lennon & McCartney, riproposto alla maniera di Boris. Andando subito a vedere e sentire è possibile rendersi conto di quanto valga la pena di ascoltare subito (e con grande attenzione) BioCosmopolitan di Boris Savoldelli.

 

Musicisti:

Boris Savoldelli – Voce, accompagnamento e strumenti vocali, piano

Jimmy Haslip – basso (brano 2)

Paolo Fresu – tromba, flicorno (brani 3, 5)

 

Brani:


01 – Aria

02 – Biocosmopolitan

03 – Concrete Clima

04 – The Discordia

05 – Kerouac in New York City

06 – Is Difficult To Fly Without Whisky

07 – Dandy Dog

08 – Danny Is A Man Now

09 – Biocosmo

10 – Love City

11 – Springstorm

12 – The Miss Kiss

13 – My Barry Lindon

14 – Closin’ Theme

Bonus Tracks:

15 – Crosstown Traffic

16 – Biocosmo (English Version)

Links:

http://www.themisskiss.eu/