Ai nastri di partenza la XV edizione del Campania Blues Festival – Salerno

0
163

Data: 08/08/2020
Città : Salerno
Luogo: Arena del Mare

CAMPANIA BLUES FESTIVAL – XV EDIZIONE

8 AGOSTO 2020 – START h18:30

 

“NIGHT OF THE GUITARS”
con Peppe ‘O Blues, Dany Franchi e Paolo Bonfanti
&
“BLUES HIGHWAY LIVE”
con la Robert James Blues Band, Low Town, DLD Trio, Mustang Blues Band e Black Cadillac Blues Band

 

Ai nastri di partenza la XV edizione del Campania Blues Festival, la rassegna dedicata al blues e alla soul music più longeva del mezzogiorno.

Ospite per il quinto anno consecutivo del Comune di Salerno, il Campania Blues Festival, giunto  alla sua XV edizione, non si è lasciato certo scoraggiare da questa strana e inusitata piega degli eventi, presentando un’offerta musicale ancor più ricca e variegata, presentando, sul palco dell’Arena del Mare, per questa prima serata di musica e divertimento, Peppe ‘O Blues, Dany Franchi e Paolo Bonfanti per la “Night of the Guitars”, ai quali si affiancheranno quattro band, provenienti da ben tre regioni d’Italia, per il primissimo evento live dedicato al progetto “Blues Highway” ideato dal performer anglo-napoletano Robert James Ucciero: Low Town (Piemonte), DLD Trio (Campania), Mustang Blues Band (Lazio) e Black Cadillac Blues (Campania).

Peppe O’ Blues è uno dei testimoni più attivi e prolifici del blues partenopeo, con all’attivo tre album in studio e una carriera da musicista e didatta che lo ha portato a suonare nei festival e nei locali dedicati a questo genere più importanti al mondo, fra cui il Chicago Blues Festival e il B. B. King Club (Memphis).

 

Paolo Bonfanti, frontman dei Big Fat Mama, uno dei più importanti gruppi della scena rock-blues italiana dal 1985 al 1990, e unico artista italiano a partecipare al festival musicale e cinematografico South by Southwest di Austin, Texas, nel 1994, vanta collaborazioni preziose come quella con il chitarrista italiano Beppe Gambetta e il cantautore newyorkese Jono Manson. Nel febbraio del 2014 è stato pubblicato, per l’etichetta Felmay, il cd “Friend of a Friend”, con Martino Coppo, uno dei migliori mandolinisti bluegrass in Europa e, nel giugno 2015, ”Back Home Alive”, registrato dal vivo al Teatro Municipale di Casale Monferrato, una retrospettiva “live” di alcuni vecchi brani in una veste quasi completamente rinnovata, con la produzione artistica di Steve Berlin (Blasters, Los Lobos), il missaggio di David Simon-Baker (Los Lobos) e il mastering di David Glasser (che ha curato le ultime raccolte “live” per il cinquantenario dei Grateful Dead). “Back Home Alive” è stato inserito tra i migliori 100 dischi italiani nel libro “Storie di rock italiano dal boom economico alla crisi finanziaria” di Daniele Biacchessi.

 

Dany Franchi, anch’egli chitarrista genovese, classe 1990, è considerato uno dei migliori musicisti blues della sua generazione non soltanto grazie alle sue straordinarie doti musicali, che lo hanno portato ad esser definito “il mio artista blues preferito” da Anson Funderburgh e condotto in semifinale all’International Blues Challenge, nel 2016, in qualità di unico rappresentante del sound blues italiano, ma anche grazie ai suoi contributi musicali, presentati nelle vesti di ben tre album di studio (“Free Feeling” – 2011; “I believe” – 2014; “Problem child” – 2017, registrato nel famoso Stuart Sullivan’s Wire Recording Studio ad Austin, TX, e arrivato al 4° posto sulla “Billboard Blues Chart”, nel 2018, e al numero 7 su SiriousXM RadioBB King’s Bluesville”) e alla sua partecipazione ad alcuni tra i festival dedicati al blues più importanti al mondo tra cui Blues From The Top (USA), Bayfront Blues Festival (USA), Dallas International Guitar Festival (USA), Swing Wespelaar (BE), Doheny Blues Festival (USA), Greeley Blues Jam (USA), Blues’n Jazz Rapperswil (CH), Transylvania Blues Festival (RO), Olsztyn Blues Festival (PL), Ameno Blues (IT), Augustibluus Festival (ES), condividendo il palco con vere e proprie leggende come Ronnie Earl e Kirk Fletcher.

 

I Low Town nascono nel 2016 da un’idea del chitarrista Giulio Rodinò, a cui si uniscono Riccardo Sbaffi (voce, tastiera), Alessio Bonzani (basso, voce) e Clarissa Giordani (batteria, voce). La band  si trova attualmente impegnata nella scrittura del primo disco di canzoni originali; oltre a questo propone un vasto repertorio cover che spazia da grandi classici a brani più ricercati negli ambiti blues e blues-rock. Punti di forza della band sono la giovane età dei componenti e la vastità del repertorio proposto, capace di adattarsi a diverse situazioni live, caratteristica che ha portato i Low Town ad esibiti in diversi locali, feste e motoraduni nel Nord Italia, Svizzera, Austria e Germania.

 

Il gruppo Di Muro – Landi – D’Ascoli Trio, anche conosciuto col nome di , nasce dall’unione di tre amici professionisti: Giuseppe Di Muro (chitarra e voce), Simone Landi (batteria), Alessandro D’Ascoli (basso), che si ritrovano a suonare insieme in tour con l’attore Maurizio Casagrande. I tre hanno in comune la passione per il blues e dei super gruppi degli anni ‘60 come i Cream e i Jimy Hendrix Experience. In una sera d’estate, nasce il . La musica che il gruppo propone è il ‘ tra il blues della tradizione e quello contemporaneo contaminato da elementi quali jazz e fusion.

 

La Mustang Blues Band è una blues band laziale il cui repertorio ripercorre la storia del blues: da Ray Charles a Muddy Waters; da Eric Clapton a B.B. King, passando, poi, a Jonny Cash e il folk americano. La band vede in formazione: alle tastiere e alla voce; al basso e alla voce; alle chitarre; alle chitarre e alla voce; alla batteria e alle percussioni.

 

La Black Cadillac Blues è una blues band originaria di Piedimonte Matese (CE) che si pone quale crocevia di molteplici esperienze , proponendo un eccezionale progetto culturale e musicale dal nome “ON THE ROAD“, che consiste nel rifacimento della colonna sonora del famoso film del 2008, scritto da Darnell Martin, “Cadillac Records“. Un intenso viaggio emotivo, un tuffo nella musica del diavolo, che parte cronologicamente dalle origini, dai juke joints del Delta del Mississippi, per poi arrivare ai suoni crudi e sofferti dell’elettrica Chicago degli anni ‘50. In formazione: Growling Leo alla voce, alla washboard e alla blues harp; Enrico Altomare alle chitarre, alla cigar box e al dobro; Sandrino Costa al basso elettrico e al contrabbasso; Enzo Del Basso alla batteria e Mike Borgo al sax tenore.

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

Sarà possibile acquistare i biglietti per il festival, dal costo di appena €1.00, sul sito Vivaticket.it seguendo questo link: https://www.vivaticket.com/it/biglietto/premio-charlot-08-08/149933?fbclid=IwAR0J12vEABMYjN056GL3u_Zd9f3-E6CrKXOtBikrAQ_Zi6nFQIdUsnxNI8g

 

Campania Blues Festival – rassegna nata nel 2006 con il nome di “Baia Domizia Blues” ed evolutasi, naturalmente, in Campania Blues Festival – è socio fondatore di Italian Blues Union, l’associazione che si occupa della promozione della musica blues in Italia, alla quale aderiscono tutti i più importanti festival nazionali.

Facebook: Campania Blues FestivalInstagram: campaniablues