MAFALDA: fuori ora il singolo “Inquieta”

0
116

“Inquieta” è il nuovo singolo di Mafalda fuori su tutte le piattaforme streaming, un viaggio nelle emozioni più basse che seguono il movimento della propria inquietudine.

 

“Inquieta”è stata scritta in un attimo di tempesta, in cui non c’è via d’uscita, se non la scrittura. In assenza di qualsiasi possibilità di agire sul corso degli eventi, la musica e il manifestarsi attraverso di lei hanno la capacità di cambiare il nostro mondo. Come ogni canzone diMafalda, il brano è ispirato al vissuto personale, una storia che non è andata come avrebbe voluto, l’alternarsi del raggiungimento di uno stato di accettazione e comprensione e lo stimolo verso il farsi del male e la distruzione.“Inquieta” è la spinta a manifestarci, esprimerci per dar voce alle nostre sofferenze, nelle quali, alla fine, scoviamo la nostra autenticità.

 
“Inquieta è un brano che nasce, cresce e si trasforma all’interno del contesto urbano. Un’apparente tranquillità razionale e ben integrata si muove all’interno della città e si mischia al suo interno, tra le abitudini quotidiane e le relazioni, che scandiscono il tempo della vita nella metropoli. Questa calma apparente nasconde una dimensione interna legata ad un‘ inquietudine, che silenziosa stabilisce il corso delle nostre azioni. Sa come farsi ascoltare ed è in grado, se compresa, di diventare lo stimolo verso la creazione.”
Il nostro parere sul brano
 
Mafalda è una giovane artista napoletana che ha deciso con coraggio di trasferirsi a Milano e forse anche per questo il suo brano d’esordio si chiama Inquieta, un brano che ci racconta la personalità dell’artista e ci porta la tenerezza e l’inquietudine, appunto. Una voce quasi graffiata, sofferta e un po’ romantica di chi alla fine un po’ di cose non ha potuto esprimerle e gli sono rimaste come un nodo in gola.

Biografia

Mafalda si avvicina alla musica da giovanissima e a 12 anni riceve la sua prima chitarra classica. Più tardi scoprirà l’amore per
il canto e per la scrittura, che non abbandonerà più. Il suo stile viene influenzato dal panorama della musica napoletana, città in cui l’arte ha sempre avuto un ruolo fondamentale e in cui ha vissuto fino ai diciotto anni, crescendo tra la musica dub. Si trasferisce a Milano e dopo qualche anno inizia a scrivere le sue prime canzoni. Le sonorità di Mafalda riflettono una passione per il reggae, il variegato pop e il soul, che si fondono in un progetto di musica cantautoriale italiana, con brani ispirati al proprio vissuto personale. I suoi testi sono rivolti principalmente all’interiorità dell’essere umano, in tutte le sue sfumature, anche quelle più ombrose. Quasi del tutto autodidatta, fa le sue prime esperienze musicali esibendosi in alcuni locali milanesi a partire dal 2020. Nel progetto Mafalda sono coinvolti ad oggi Massimiliano Cammarata al basso e Fabio Macchi alle percussioni.