Di Olindo Fortino


THEE OH SEES

Mutilator Defeated At Last

Castle Face Records, 2015

Mutilator Defeated At Last

“Mutilator Defeated At Last” è il nuovo telegramma di divertente follia e burina anarchia spedito da John Dwyer e dai suoi Thee Oh Sees. Giunto in un baleno al quattordicesimo album, il progetto del più truzzo cavernicolo della Bay Area sa ancora come rendere piccante e appetitosa una ricetta, quella del garage-punk-rock, che a dirla rivoluzionaria e originale sa di presa per il culo. Tatuato peggio di Henry Rollins e più triviale di John Lydon e Angus Young messi insieme, Dwyer è in realtà un clown-alchimista della chitarra elettrica e un genio invertito nella difficile arte di scrivere canzoni. Per farlo gli bastano un pedale fuzz, due o tre riff, un ritmo pestato a dovere e qualche verso nonsense. Se poi si prende la libertà di mischiare generi e influenze, il risultato diventa ancora più incredibile e travolgente.

Creato in studio con vecchi sodali e la collaborazione del fido Chris Woodhouse, il materiale di “Mutilator Defeated At Last” viene adesso proposto in tour con due nuovi e altrettanto  validi acquisti, i batteristi Ryan Moutinho (Meatdbodies, Mikal Cronin) e Dan Rincon. Al basso resta però Tim Helmann, l’asso nella manica di questo album, artefice di linee gravi incisive e pulsanti, percepibili sin nel bellissimo titolo d’apertura, Web, eccelso manufatto di devianza garage-pop e post-punk, segnato dal falsetto luciferino di Dwyer e da un motorik plumbeo e ipnotico scosso da una coda elettrica assassina. La successiva Withered Hand esce dal tunnel di lenti miasmi analogici e scatena un tornado di fuzz ed effetti sintetici lanciati a velocità supersonica. Poor Queen e la trascinante Rogue Planet ricalcano il canonico ma sempre irresistibile codice garage-punk mentre le sfumature “glam”, il cantato e l’euforia “teen-thrash” della febbricitante Turned Out Light ricordano molto i primi Redd Kross.

Con queste tracce siamo già oltre la media del genere, però, incredibile a dirsi, Dwyer sfodera dal suo cilindro magico la voce malata e gli assoli elettrici che piovono a cascata nella psichedelia acida e ipersatura di Lupine Ossuary. Il lato gentile e visionario della sua scrittura appare invece negli agili fraseggi acustici e nelle onde-frequenze modulari della strumentale Holy Smoke, mentre nella favolosa e languida Sticky Hulks si materializzano d’incanto lisergiche e mesmeriche linee d’organo à la Iron Butterfly. Sopra e intorno effetti tridimensionali inquietanti e regali, con lampi e squarci chitarristici dilatati, dall’intenso aroma Quicksilver-Grateful Dead. Flessuosa, spigolosa e altrettanto onirica, Palace Doctor chiude il programma come meglio non si potrebbe. Con dischi e musicisti di questa specie il rock resta sano e salvo, anzi scoppia di salute.

Voto: 8/10

Genere: Garage-Punk / Psych-Noise / Alternative Rock

 

 

Musicisti:

John Dwyer – vocals, guitars, synth, mellotron

Tim Hellman – bass

Nick Murray – drums

Chris Woodhouse – synth, mellotron, percussion

Brigid Dawson – backing vocals

 

 

Brani:

01. Web

02. Withered Hand

03. Poor Queen

04. Turned Out Light

05. Lupine Ossuary

06. Sticky Hulks

07. Holy Smoke

08. Rogue Planet

09. Palace Doctor

 

 

Links:

Thee Oh Sees

Castle Face Records


Immagini associate
Mutilator Defeated At LastMutilator Defeated At LastMutilator Defeated At LastMutilator Defeated At LastMutilator Defeated At LastMutilator Defeated At LastMutilator Defeated At LastMutilator Defeated At LastMutilator Defeated At LastMutilator Defeated At Last

Pubblicata il 27/06/2015