Di Stefano Dentice


APARTICLE

Bulbs

UR Records, 2018

Bulbs

Sonorità ipnotiche, cosmiche, locupletate da un climax surreale che trasporta l’ascoltatore in una dimensione parallela. “Bulbs” è la nuova fatica discografica firmata Aparticle, ardimentosa formazione costituita da Cristiano Arcelli (sax alto), Michele Bonifati (chitarra), Giulio Stermieri (piano elettrico e organo hammond) ed Ermanno Baron (batteria). Il CD consta di sette brani originali concepiti dalla ferace vena compositiva di Bonifati e Stermieri. Il mood di No Way To Fill è particolarmente enigmatico. L’incedere del chitarrista è magnetico, impreziosito da un suono pungente. Arcelli cesella un eloquio ammaliante, materico, zigzagante, denso di spunti estremamente interessanti, sostenuto dal comping ricco, policromatico e mai pedissequo architettato da Baron. Crashing Brand N’Ubuntu è una composizione che crea uno stato di suspense. Qui Cristiano Arcelli pennella traiettorie eteree, assai pervasive, sottolineate dal sobrio manto coloristico tessuto dal batterista. Racklad è un brano carezzevole e intenso. Il sassofonista si esprime con placidità comunicativa e sensibilità interpretativa. “Bulbs” è un album dal quale trasuda una fisiologica necessità di ricerca, sotto molteplici aspetti. Un disco in cui i protagonisti sono mossi da un sano spirito di innovazione che conquista di primo acchito.

 

Genere: Contemporary Jazz / Avant Jazz

Musicisti:

Cristiano Arcelli, alto sax
Michele Bonifati, guitar
Giulio Stermieri, Fender Rhodes and Hammond
Ermanno Baron, drums

Brani:

01. No Way To Fill
02.  Crashing Brand N’Ubuntu
03. Liquid Language
04. Bridal Veil Falls
05. Parasocial Activity
06. Nine Billion Density
07. Racklad

Link:

UR Records


Pubblicata il 21/03/2018