Di Stefano Dentice


ALICE RICCIARDI / PIETRO LUSSU

Catch a falling star

Gibigiana Records, 2019

Catch a falling star

Una simbiosi comunicativa profonda, permeata di classe cristallina, che lascia con il fiato sospeso, impreziosita da svariati intarsi armonici di qualità sopraffina. “Catch a falling star” è la nuova opera discografica partorita da Alice Ricciardi (voce) e Pietro Lussu (pianoforte e piano elettrico), due fulgidi jazzisti dall’irrefutabile valore. Quattro dei tredici brani presenti nel CD sono composizioni originali figlie della fecondità della cantante e del pianista (Clues Blues, Y-Am di Alice Ricciardi con testo autografato da Eva Macali, To One I Love e And Pink, And Gold, And Blue), mentre Let’s Face The Music And Dance (Irving Berlin), Catch A Falling Star (Paul Vance e Lee Pockriss), Boys And Girls Like You And Me (Richard Rodgers e Oscar Hammerstein II), Good Vibrations (Brian Wilson e Mike Love), Liza (George Gershwin, Ira Gershwin e Gus Kahn), Sunday, Monday Or Always (Jimmy Van Heusen e Johnny Burke), What Is This Thing Called Love (Cole Porter), Utah (Steve Lacy con testo di Giulia Niccolai) e I Let A Song Go Out Of My Heart (Duke Ellington, Irving Mills, Henry Nemo e John Redmond) completano la tracklist. Il mood di Clues Blues è particolarmente intrigante. Alice Ricciardi interpreta questo brano con pathos e sobrietà espressiva, adoperando saggiamente  i colori della sua voce. Il pianismo di Lussu è magnetico, pervasivo. To One I Love cattura subito l’attenzione per il suo climax ipnotico. Qui la vocalist emette i suoni calibrandoli con acume e con un ottimo controllo diaframmatico, curando e gestendo brillantemente la dinamica. Lussu, in questo brano alle prese con il Fender Rhodes, cesella un eloquio icastico, arricchito da alcune inebrianti e tensive soluzioni armoniche. And Pink, And Gold, And Blue è una composizione eterea. L’interpretazione della cantante è carezzevole, causativa, ornata dal comping parco e funzionale intessuto dal pianista. “Catch a falling star” è un album in cui nulla è pedissequo, un disco dove (fortunatamente) non emerge mai l’irrefrenabile desiderio di mostrare i muscoli a tutti i costi. Bensì traspare l’urgenza di ricercare il senso estetico, quello autentico, attraverso una comunicatività intima, che lascia il segno.

 

Genere: Modern Jazz / Contemporary Jazz

Musicisti:

Alice Ricciardi, voice
Pietro Lussu, piano and electric piano

Brani:

01. Let’s Face The Music And Dance
02. Catch A Falling Star
03. Boys And Girls Like You And Me
04. Clues Blues
05. Good Vibrations
06. Liza
07. Sunday, Monday Or Always
08. Y-Am
09. To One I Love
10. What Is This Thing Called Love
11. Utah
12. I Let A Song Go Out Of My Heart
13. And Pink, And Gold, And Blue

Link:

Alice Ricciardi

Gibigiana Records

 

 

 

 


Pubblicata il 25/10/2019