Di Donatella delle Cese


ACCORDI DISACCORDI

Accordi Disaccordi

, 2017

Accordi Disaccordi

Accordi Disaccordi è un elegante e talentuoso trio che propone un repertorio gipsy jazz; i chitarristi Alessandro Di Virgilio – solista – e Dario Berlucchi – ritmica -, insieme al nuovo elemento della band Elia Lasorsa al contrabbasso, si sono fatti conoscere al grande pubblico suonando ad Umbria Jazz, sia a Perugia, che ad Orvieto, ma sono molto conosciuti anche all’estero, specialmente in Russia, dove spesso si recano per lunghe tournee.

La loro particolarità è quella di esibirsi anche per la strada dove, con grande semplicità e comunicativa, danno l’occasione alla gente di restare incantati dal loro immenso talento, sin dal primo ascolto. Il repertorio gipsy e manouche che propongono è di altissima qualità interpretativa e di grande gusto.

Il quarto lavoro discografico degli Accordi Disaccordi, che porta semplicemente il nome della band, vede la luce il 15 settembre del 2017, grazie ad una riuscitissima campagna di crowfunding. Al design di copertina graficamente molto curato ed accattivante di Stefano Brizzi, si unisce l’elegante porosità del cartoncino speciale utilizzato per la stampa. Quattordici brani, tutti scritti da Alessandro Di Virgilio, tranne Signor Noce, che porta invece la firma di Dario Berlucchi,

Apertura in dolcezza con Firefly, una suadente ballad che avvolge l’aria in maniera progressivamente coinvolgente; e mentre gli splendidi virtuosismi di chitarra conquistano sempre di più, si passa al ritmo più serrato ed altrettanto emozionante di Beauty. Lo swing la fa da padrone in Lazy Wave, dove lo special guest Giacomo Smith imbastisce un riuscito dialogo musicale tra gli strumenti a corda ed il suo clarinetto.

Wisky Valley inizia con suoni rarefatti, che si fanno sempre più incalzanti ed incedono gradevolmente tra soavi pizzicati di contrabbasso ed abili – quanto veloci – passaggi di chitarra. Delicatezza in Pietrasanta, dall’atmosfera decisamente romantica e cadenzata; sembra di rivivere i momenti di azione di un film in Mafia Car, dove torna a farsi sentire il clarinetto di Smith, che regala vari efficaci fraseggi.

Blast è un bel brano immediato, quasi urgente, come lo stesso titolo fa intendere; il violoncello di Oscar Doglio Sanchez - l’altro special guest del lavoro discografico – arricchisce la storia musicale de I Caffè Di Oliva, che si snoda tra tango e ritmi latini. Spaghetti Killer, eseguita in quartetto con Smith, lascia spazio a 10, che ci riporta nuovamente ad un intrigante swing.

E mentre la delicatezza di Stay avviluppa l’anima, un attimo dopo si viene quasi risucchiati dall’irrompere della ben più ritmata Break-Fast. Preziosi ed eleganti giochi di corde di chitarra caratterizzano El Duende. Signor Noce regala una chiusura in bellezza, tra grazia e delicatezza, eseguita dalla formazione in quintetto, con Smith e Sanchez.

Da non perdere.

 

 

Genere: Hot Italian Swing, Manouche, Jazz

 

Musicisti:

Alessandro Di Virgilio, chitarra solista
Dario Berlucchi, chitarra ritmica
Elia Lasorsa, contrabbasso

Special guests:
Giacomo Smith, clarinetto
Oscar Doglio Sanchez, violoncello

Brani:

01. Firefly
02. Beauty
03. Lazy Wave
04. Whisky Valley
05. Pietrasanta
06. Mafia Car
07. Blast
08. I caffè di Oliva
09. Spaghetti Killer
10. 10
11. Stay
12. Break-Fast
13. El Duende
14. Signor Noce


Pubblicata il 11/01/2018