Image gallery

Di Mario Catuogno by SpectraFoto


Omar Sosa apre la XXIII edizione di Ethnos

Omar Sosa apre la XXIII edizione di Ethnos

Primo concerto della XXIII Edizione di Ethnos Festival Internazionale di musica etnica, giovedì 20 settembre, a Villa Vannucchi di San Giorgio a Cremano con il concerto di Omar Sosa, Kora Seckou Keita e Gustavo Ovalles che hanno presentato “Transparent Water” il nuovo progetto del pianista cubano, nominato 7 volte al Grammy e il cantante e maestro di Kora, originario del Senegal, che ha portato alla realizzazione di un album uscito in tutto il mondo nel 2017.

Il Festival ideato da La Bazzarra sotto la direzione Artistica di Gigi De Luca e organizzato dal Comune di San Giorgio a Cremano, con il partenariato dei Comuni di Bacoli, Casandrino, Torre Annunziata, Trecase e Volla, è finanziato dall’Assessorato allo Sviluppo ed alla Promozione del Turismo della Regione Campania presenta un programma ricchissimo oltre di concerti dei maggiori rappresentati della musica etnica e folk del mondo, anche di diversi spettacoli di danza, teatro, visite guidate sul territorio che ospiterà il festival che sarà itinerante nei vari Comuni partner dell’evento, insieme a diverse occasioni di laboratori creativi, itinerari naturalistici e degustazioni di prodotti tipici, l’assegnazione del Premio Ethnos che viene attribuito ogni anno a personalità che si distinguono nel mondo per il loro impegno sociale e culturale e, novità di quest’anno, “GEner/Azioni”, un vero e proprio contest che darà l’opportunità a musicisti e gruppi under 35 di condividere il palco con artisti internazionali e far conoscere la propria musica in un contesto decisamente importante.

Ad aprire il Festival, dopo il discorso inaugurale del Direttore Artistico Gigi De e il saluto istituzionale del Sindaco Giorgio Zinno, in uno scenario di gioia ed evidente emozione, è stato il concerto di Omar Sosa, Kora Seckou Keita e Gustavo Ovalles che hanno presentato “Transparent Water”, il nuovo progetto del pianista cubano nominato 7 volte al Grammy e il cantante e maestro di Kora, originario del Senegal, che ha portato alla realizzazione di un album uscito in tutto il mondo nel 2017 che mette insieme ritmi cubani, melodie africane, suoni affascinanti provenienti dalla tradizione dell’estremo oriente, con intrecci jazz e blues, accompagnati dallo stile percussivo di Gustavo Ovalles che ha contribuito ad arricchire un progetto già di per sé assolutamente coinvolgente ed affascinante.

 

Villa Vannucchi, San Giorgio a Cremano (NA)
20 settembre 2018

Omar Sosa, pianoforte, voce
Seckou Keita, kora, voce
Gustavo Ovalles, percussioni

 

 


Pubblicata il 23/09/2018