Image gallery

Di Mario Catuogno by SpectraFoto


Marco Zurzolo 4tet in “Intimate Concert” @DiVino JAZZ Festival 2016

Marco Zurzolo 4tet in “Intimate Concert” @DiVino JAZZ Festival 2016

Giovedi 8 dicembre 2016 – Teatro Minerva di  Boscoreale 

Marco Zurzolo 4tet – “Intimate Concert

Marco Zurzolo – sax
Carlo Fimiani  - chitarra
Gigi De Rienzo – basso
Vittorio Riva – batteria

Giovedi 8 dicembre la seconda serata del “DiVino JAZZ Festival “  XII  edizione 2016, rassegna  ideata e diretta da Gigi  Di Luca, organizzata e cofinanziata dal Comune di Trecase, in partenariato con i Comuni di Boscoreale, Boscotrecase, Terzigno e finanziata dalla Regione Campania, al Teatro Minerva di  Boscoreale con Marco Zurzolo 4tet in “Intimate Concert” . Sul palco, insieme a Marco Zurzolo  al sax, Carlo Fimiani (chitarra), Gigi De Rienzo (basso) e Vittorio Riva (batteria).

Il progetto presentato, un insieme di musica amicizia e grandissimo affiatamento dei musicisti presenti sul palco ha coinvolto, divertito , entusiasmato il pubblico presente. Il quartetto oltre a cimentarsi in versioni di grande effetto di grandi successi internazionali  e omaggi alla musica italiana come “Una lunga storia d’amore ” di Gino Paoli, e “A me mi piace ‘o blues ” di Pino Daniele, ricordato con grande emozione e racconti della consolidata amicizia che c’è sempre stata tra l’eclettico sassofonista e il grande Artista scomparso, ha presentato i brani dell’ultimo Album di Marco Zurzolo prodotto da Onofrio Piccolo per l’etichetta “Itinera” “Chiamate Napoli… 081”, e che comprende nove composizioni inedite firmate dal sassofonista napoletano (due delle quali con Piero de Asmundis (la bellissima “Orme di Mandorle” e “Sinfonietta” ) e una rilettura di “I Often Think The Have Mereley Go” di Mahler arrangiata da Gabriella Grossi e impreziosita dalla voce di Francesca Zurzolo, e un brano ritmico “Pelle arsa” che si avvale della partecipazione di Ciccio Merolla e Stefano Iorio, e una emozionante versione di “Trustin’ me” che oltre alla voce di Francesca Zurzolo è arricchita dalla melodia del violoncellista Leonardo Massa.  Non sono mancati anche delle bellissime intepretazioni di canzoni della tradizione classica napoletana come “Indifferentemente” e “Passione” dove il sax di Zurzolo e’ vera magia.

 

Recensione di: Annamaria De Crescenzo

Foto di: Mario Catuogno (SpectraFoto)

 


Pubblicata il 11/12/2016