Il 29/03/2018 a Napoli


Benny Benack III ed il suo Italian Quartet al Music Art

Benny Benack III ed il suo Italian Quartet al Music Art

Giovedì 29 marzo il Music Art ospita nuovamente un grandissimo trombettista e vocalist di fama mondiale, Benny Benack III ed il suo Italian Quartet.

La formazione musicale di Benack nasce direttamente in casa perchè il nonno ed il padre sono due valenti musicisti che hanno collaborato in pianta stabile con i maggiori nomi del jazz americano delle rispettive epoche.

Laureatosi per ben due volte alla Manhattan School of Music, ottiene il Master Of Music Degree nel 2015.

Versatile e talentuoso, Benack III viene insignito, durante la sua carriera, di diversi riconoscimenti: nel 2010 primeggia sia nella National Trumpet Competition For Jazz che nella International Trumpet Guild Jazz Competition; 2011 vince il Carmine Caruso International Jazz Trumpet Soloist Competiton, nel 2014 è finalista nella prestigiosa kermesse Theolonious Monks International Jazz Competition.

Anche dal punto di vista della vocalità, ha ottenuto alcuni piazzamenti di rilievo in manifestazioni come The Gentlemen Sing Competition edizione 2013 e The Mid-Atlantic Jazz Festival Vocalist Competition.

Ha partecipato a numerose incisioni discografiche con grandi nomi del jazz internazionale come Chihiro Yamanaka, per citarne uno dei più recenti; milita nelle più importanti big bands, come quella di Christian Mc Bride, quella di Mingus e la Bobby Sanabria’s Afro-Cuban Jazz Orchestra.

Si esibisce regolarmente nei più importanti templi della musica jazz della città di New York come il Lincoln Center, il Blue Note, il Birdland e lo Smoke.

Ha partecipato al programma televisivo di varietà Maya & Martin, suonando nella band live del programma.

‘E anche un ottimo insegnante e tiene corsi, clinics e seminari che vengono seguiti con grandissima e documentata passione dai suoi studenti.

Lo accompagneranno le note di uno special guest, il virtuoso pianista Francesco Nastro;  nato a Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli, classe ‘67, Nastro studia e si diploma in pianoforte nel 1989 e nel 1991 completa gli studi di composizione, sempre presso il Conservatorio di Salerno.

Nastro, che non ha trascurato, al contempo, di approfondire un approccio alla musica classica, seguendo un corso di perfezionamento tenuto dal Maestro Adrian Costantin Baciu, ha partecipato a numerosi festival jazz di levatura nazionale ed internazionale. Ha vinto il premio Clara Barberis in improvvisazione jazz.

Con il giornalista Pietro Mazzone collabora con il Pomigliano Jazz festival nel realizzare le Guide all’ascolto, che vedono la partecipazione di alcuni prestigiosi ospiti del mondo musicale. Ha partecipato all’opera di Roberto De Simone. Requiem in memoria di Pier Paolo Pasolini, esibendosi al Teatro San Carlo di Napoli.

Guida un Trio a suo nome ed è componente stabile del quintetto di Piero Condorelli e del quartetto di Aldo Vigorito; ha insegnato presso i Conservatori Cimarosa di Avellino e San Pietro a Majella a Napoli.

Alla chitarra apprezzeremo Daniele Cordisco; nativo di Campobasso, classe 1988, si avvicina alla musica sin da piccolo, grazie alla passione trasmessagli da suo padre, anche lui chitarrista jazz.

Nonostante la sua giovane età, ha avuto occasione, grazie al suo talento, di suonare con moltissimi grandi del jazz italiano e internazionale come Jeff YoungFabrizio Bosso, Danilo Rea, Michael SupnickRoy HargroveEsperanza Spalding e tantissimi altri.

Si esibisce spesso con la band Swing maniacs capitanata da Renzo Arbore: con loro, tra le altre cose, ha registrato la sigla del programma Oggi Qui…Domani Là andato in onda su Rai 5.

‘E stato insignito di diversi riconoscimenti come la borsa di studio per il Berklee College Of Music di Boston ed il primo premio in concorsi come il Chicco Bettinardi nel 2011,  il Giovani Talenti Di Chitarra Jazz nel 2007 ed il Premio Massimo Urbani alla sua 17 esima edizione.

Il contrabbassista Giuseppe Venezia, nasce a Bernalda (MT) nel 1982.

Collabora in diverse formazioni, spaziando tra i generi musicali, dal cool jazz al dixieland, passando per il manouche e l’hard bop.

Parallelamente all’intensa attività concertistica, si dedica allo studio della musica classica, frequentando il Conservatorio E.R Duni di Matera.

Prende parte ad alcuni importanti festival di jazz manouche e segue una masterclass in Olanda con il chitarrista gitano Lollo Meier, con il quale si esibisce anche in svariati concerti.

Con la formazione Les Manuages partecipa al concorso IJT Indicazione Jazzistica tipica e vince il primo premio bel 2008.

Nel 2011 esce il suo primo disco come band leader, intitolato Let The Jazz Flow.

Insegna contrabbasso jazz presso la High Music Academy di Taranto e presso l’Accademia della Musica e del Suono di Montalbano Ionico.

Ha suonato con molti artisti affermati della scena internazionale, nei più noti locali jazz italiani ed internazionali e in rassegne famose come il Peperoncino Jazz Festival, il Tuscia in Jazz e il Marigliano in Jazz.

Non ultimo, anche il versatile batterista Elio Coppola, che inizia a 12 anni a studiare musica e, unendo la sua predisposizione naturale alle lezioni frequentate, arricchisce la sua carriera con prestigiosi riconoscimenti. Partecipando alle clinics della Berklee School che si tengono nel mese di luglio a Perugia durante il festival di Umbria Jazz, ottiene una borsa di studio con la quale partecipa al corso completo di studi della prestigiosa università della musica americana a Boston. Di ritorno dalla proficua esperienza statunitense, suona in vari festival jazz, raccogliendo consenso ed apprezzamento ovunque si esibisca. Prende parte a diverse manifestazioni musicali all’estero, avendo così modo di incontrare il pianista americano Emmet Cohen. Insieme a lui ed al contrabbassista Giuseppe Venezia incide il suo primo disco da leader, che viene presentato in alcuni luoghi simbolo degli Stati Uniti ed in vari jazz club. Molto attivo a livello concertistico, suona in contesti differenti e collaborando con tantissimi musicisti italiani e stranieri.

Il presidente dell’associazione Ennio Forte, il direttore artistico Giuseppe Reale e sua moglie Hermina, con l’aiuto del poliedrico membro del direttivo Giuseppe De Lollis ci aspettano per una serata all’insegna della buona musica…e che Musica!

Concerto imperdibile, vi aspettiamo!

 

Donatella delle Cese

 

Dove: Music Art

Indirizzo: Vico Santa Maria della Neve, Mergellina (La Torretta), Napoli

Informazioni e Prenotazioni: 338.5669770


Pubblicata il 27/03/2018