Di Stefano Dentice


FRANCAVILLA è JAZZ

Seconda “anteprima” con Cercle Magique

Seconda “anteprima” con Cercle Magique

Brani tratti da “Cercle Magique” e non solo, in Largo San Marco, per la seconda anteprima della IV edizione del “Francavilla è Jazz”.

Il jazz, per antonomasia, specialmente quello contemporaneo, è un genere musicale particolarmente contaminato, in perenne evoluzione. Nando Di Modugno (chitarra), Vincenzo Maurogiovanni (basso) e Gianlivio Liberti (batteria e percussioni), ossia Cercle Magique Trio, esemplificano brillantemente questo concetto, poiché rappresentano l’inclito esempio di un sincretismo stilistico incardinato su uno spirito aggregante, che abbraccia svariati stilemi: dalla musica afroamericana a quella eurocolta, dalla world music alla musica mediterranea, in cui non mancano tenui colorazioni impressioniste e altre che ammiccano alla fusion e al rock. Il concerto in occasione della seconda anteprima ideata per la quarta edizione del festival Francavilla è Jazz, festival diretto dall’eccellente direttore artistico Alfredo Iaia, si è tenuto come consuetudine nell’incantevole cornice di Largo San Marco, scorcio situato nel pieno centro storico di Francavilla Fontana. Gli astanti hanno irrefutabilmente gradito la performance, tributando con fragorosi applausi i tre protagonisti. Il repertorio comprendeva alcuni brani contenuti in Cercle Magique, nuovo album del trio licenziato dall’etichetta discografica Dodicilune, unitamente a composizioni autografate da svariati musicisti prestigiosi. Di Modugno ha conquistato il pubblico grazie alla sua pregevole pulizia tecnica ed esecutiva, imperlata da un gusto interpretativo e da una sensibilità comunicativa di rara bellezza. Maurogiovanni ha snocciolato tutta la sua poliedricità, cesellando linee oniriche, ma al contempo torrenziali e vibranti. Il suo playing è cangiante, profondamente evocativo, ma all’uopo fremente e carico di nerbo, dal quale sgorga il suo ammirevole senso estetico. Sopraffino colorista ed energico groover, Liberti ha tessuto un comping policromatico. Il batterista ha creato manti ritmici rarefatti e crepuscolari, ma al contempo ha architettato un groove marcato, solido e altamente incisivo. Il live firmato Cercle Magique Trio non ha certamente tradito le attese, poiché i musicisti che hanno condiviso il palco, uniti da un verace interplay e da un’elevata intensità emozionale, hanno lasciato un segno tangibile e indelebile della loro arte.

Francavilla è Jazz (Seconda anteprima – IV edizione)
20 luglio 2017, Largo San Marco, Francavilla Fontana

Nando Di Modugno, chitarra
Vincenzo Maurogiovanni, basso
Gianlivio Liberti, batteria e percussioni

 


Pubblicata il 22/07/2017